Parcheggia la Porsche su due posti per disabili: «Non possiamo multarlo»

Due posti di portatori d’handicap per la Porsche

VIGONOVO – Parcheggia la sua Porsche di traverso, impegnando in tal modo tutti e due i posti riservati ai portatori d’handicap. L’area è quella riservata agli assistiti del poliambulatorio medico pubblico e i clienti della farmacia comunale di Vigonovo, posta di fronte al municipio in via De Gasperi 2. La piazzetta è privata e gli agenti di Polizia Locale non possono intervenire.

A fare sommaria giustizia ci pensa allora il vicesindaco del comune di Vigonovo che, dopo avere immortalato la scena,posta la foto su un sito facebook per sbugiardare pubblicamente l’incivile parcheggio. L’Amministratore pubblico ha prontamente ricevuto decine di consensi da parte dei concittadini. Improperi di ogni genere invece all’indirizzo dell’automobilista sregolato.

Va subito detto che la persona scesa dalla Porsche ed entrata agilmente nel poliambulatorio medico non dimostrava di avere alcun tipo di handicap fisico.

Oltretutto a Vigonovo non esistono problemi di parcheggioe nelle vicinanze ce ne sono a centinaia e sempre liberi. La scena si è verificata lo scorso mercoledì. Forse l’uomo sui 50 anni, molto probabilmente un informatore medico, pensava di cavarsela in fretta.

La sua visita si è invece protratta per diverso tempo e i veri portatori di handicap hanno dovuto cercarsi un parcheggio più lontano. L’uomo è arrivato sul posto alla guida di una Porsche nera decappottabile nuova fiammante.

L’area riservata ai portatori d’handicap era libera, ma invece di occuparne un solo posto, ha avuto anche la sfacciataggine di parcheggiare la macchina di traverso, occupando di fatto i due spazi disponibili, ben segnalati con cartelli stradali verticali ed evidenti simboli disegnati sull’asfalto.

La cosa non è sfuggita al vicesindaco Filippo Fogarin, che ha pensato bene di «punire» il colpevole postando la bravata su Facebook.

vittorino compagno per il gazzettino

Redazione

Redazione1909 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

5 Comments

  • Monica Cappellini Reply

    24 aprile 2015 at 11:42 am

    fosse stata una utilitaria …..l’avrebbero fatto BASTARDI MASSONI

  • Andartfil Reply

    24 aprile 2015 at 12:57 pm

    “Ai fini dell’applicazione delle norme del presente codice, si definisce “strada”, l’area ad uso pubblico destinata alla circolazione dei pedoni, dei veicoli e degli animali”.

    Una strada, un’area privata può essere ad uso pubblico, se destinata all’indistinta circolazione delle vetture. In tal caso, le norme del codice della strada sono applicabili anche alle auto parcheggiate sull’area privata e possono intervenire, per sanzionare i comportamenti dei conducenti, sia i vigili che i carabinieri.

  • antonio Reply

    24 aprile 2015 at 1:28 pm

    Qualcosa non quadra… trattandosi di proprietà privata il proprietario avrebbe dovuto richiedere l’intervento di carri attrezzi tramite la Polizia Locale, come da regolamento.

  • Maurizio Reply

    24 aprile 2015 at 2:18 pm

    ma che stupidaggine è??? aree pubbliche e aree o strade private soggette ad uso pubblico, a meno che il passaggio non avvenga in maniera abusiva ma non è questo il caso…….. (La legge 990/69 introdusse, con l’articolo 1, l’istituto dell’assicurazione obbligatoria per i veicoli in circolazione su aree di uso pubblico o aree a queste equiparate, precisando questa definizione all’articolo 2, comma 2,
    del suo regolamento d’esecuzione, dove si argomentava che ” … sono equiparate
    alle strade di uso pubblico tutte le aree, di proprietà pubblica o privata,
    aperte alla circolazione del pubblico.”) quindi potevano intervenire…

  • Federico Reply

    25 aprile 2015 at 6:38 am

    Sono d’accordo sull’indignazione, ma non sul fatto che venga dato risalto alla tipologia del mezzo. Se uno è un maleducato prepotente cosa cambia se ha una Panda od una Porsche?
    L’invidia sociale sarà l’arma futura per dividere il popolo ed imperare….

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it