Perde il portafogli e glielo riportano a casa “Voglio ringraziare quest’uomo”

GROSSETO. Era uscito di casa per andare a comprare le sigarette al tabacchi che si trova accanto al Pizzetti e non si è accorto di aver perso il portafogli. Lo ha scoperto soltanto il giorno dopo, quando è andato al bar a prendere un caffè. Al momento del pagamento, non aveva con sé né i soldi e nemmeno i documenti, come pure il bancomat e tutte le altre tessere. “Proprio quando ero al bar del centro commerciale – racconta Pierre Sutera – ho scoperto di non avere con me il portafogli, di averlo perso. Mi ha chiamato mia madre proprio in quel momento, chiedendomi come andasse. Io ero infuriato e lei si è messa a ridere”. Perché la mamma di Pierre aveva appena aperto la porta ad un anziano che aveva trovato il portafogli del parrucchiere e lo aveva portato all’indirizzo che c’era scritto sulla sua carta d’identità. “Sono corso a casa, quell’uomo che mi aveva riportato il portafogli se n’era già andato – aggiunge – ma non mancava niente: c’erano tutti i soldi, i documenti e il bancomat. Ho chiesto a mia madre se gli avesse dato almeno una ricompensa, ma lei mi ha spiegato che quell’uomo non aveva voluto nulla. E’ stato un gesto che mi ha fatto davvero piacere”.

Pierre non sa il nome dell’anziano che ha trovato il portafogli. “Lo vorrei ringraziare anche personalmente – dice – perché si è preso la briga di venire fino a casa mia per restituirmelo. Questi sono gesti che fanno bene al cuore”.

Il Tirreno

Redazione

Redazione1910 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it