Rapinatori a Napoli: Generale Antonio De Vita “Li avessi avuti tra le mani li avrei massacrati”

DE VITALa sorpresa è stata grande e i più sorpresi sono stati proprio i carabinieri. Quelli del comando provinciale di Napoli che, con il passare delle ore, hanno fatto l’amara scoperta: erano stati i loro colleghi a rapinare il supermercato, un disonore senza fine per chi indossa la divisa.
E il 45enne Claudio Vitale avrebbe pure alcuni piccoli “precedenti” e proprio per questo – per punizione – sarebbe stato trasferito a Mestre.

Il comandante provinciale, generale Antonio De Vita, solitamente tranquillo, è andato su tutte le furie. «Li avessi avuti tra le mani, li avrei massacrati», si è lasciato sfuggire. «È un oltraggio a tutti quei colleghi che lavorano giorno e notte per la gente, spesso rischiando la propria vita». Ad affiancare De Vita tutti gli ufficiali del reparto operativo che hanno lavorato subito al caso. Il comandante provinciale ha costantemente informato la scala gerarchica: il comandante della Legione, generale Gianfranco Cavallo, e quello interregionale, il generale Franco Mottola, che si è tenuto aggiornato da lontano essendo in visita fuori regione.

Il comando generale che non ha avuto esitazioni ad assumere un primo, forte provvedimento: sospensione dal servizio con effetto immediato.

Guido Lanzo

Commenta con il tuo account social

18 Comments

  • Michele Reply

    26 marzo 2015 at 4:38 pm

    Non si preoccupi, ne ha migliaia, ha solo ‘imbarazzo della scelta.

  • Fabrizio Paulis Reply

    26 marzo 2015 at 6:48 pm

    Mah! Non sono gli unici.che hanno infangato l’onore dell’arma. Anche tra generali e ufficiali ci sono comuni criminali. Non dimentichiamoci del generale Ganzer condannato per traffico internazionale di droga, il generale Ragusa per truffa e turbativa d’asta, il colonnello luigi verde che sono i più recenti… Per non parlare di uomini e ufficiali della Gdf e poliziotti…. Come dimenticare la banda della uno bianca??? Caro generale chissà quanti scheletri nell’armadio ha l’arma dei Carabinieri…

    • dino Reply

      26 marzo 2015 at 10:11 pm

      Ritengo ingiusto il suo commento, vero che costoro sono dei criminali, nulla hanno a che fare con i Carabinieri veri, mi permetta, non mischiamo il torbido con quelli che nell’Arma e dell’Arma ogni giorno fanno il loro dovere e chi sta all’interno dell’Arma ne puo’ sapere piu di lei, mi creda.

      • Fabrizio Paulis Reply

        27 marzo 2015 at 11:04 am

        La mia considerazione parte dal fatto che chi entra nell’arma o nelle forze dell’ordine non sempre lo fa perché crede nei suoi valori ma perché lo considera un lavoro, e come spesso accade e i fatti quotidiani ne sono testimonianza, chi è marcio dentro trova il modo di approfittare della sua posizione. I delinquenti si celano ovunque. Grande è il mio rispetto per coloro che fanno il loro lavoro con devozione e dedizione ciò non di meno poche mele marce possono guastare l’intera cesta. Non può negare che se si potesse entrare dentro il sistema, salterebbero fuori tante di quelle magagne che getterebbero una fosca ombra su tutta l’arma, ma questo discorso vale anche per tutte le categorie di lavoratori. I delinquenti si annidano ovunque.

      • Robert Reply

        27 marzo 2015 at 4:06 pm

        Mi consenta un mio umile pensiero, l’Arma si è mai preoccupata dei suoi Carabinieri se avessero problemi di qualsiasi natura? Specie in questi ultimi anni? credo se l’avessero fatto avrebbero sicuramente evitato di infangare l’istituzione.

    • giovanni Reply

      27 marzo 2015 at 1:26 am

      Non erano carabinieri, erano delinquenti che indossavano disonorandola, l’uniforme dell’Arma.

  • Calogero Burgio Reply

    26 marzo 2015 at 6:52 pm

    questi sono Carabinieri!quelli catturati sono solo delinquenti assunti per il degrado sociale della nostra Repubblica.

  • Michel Reply

    26 marzo 2015 at 7:00 pm

    Fatto analogo accaduto nel 1994 a Palermo. Beccati dalla Polizia durante una rapina, per noi Carabinieri (all’epoca ausiliario) fu una tremenda vergogna !!!

  • carlo Reply

    26 marzo 2015 at 7:00 pm

    Chissà se fossero pagati giustamente se non ci fossero ufficiali che pensano solo alla carriera magari sulle spalle degli altri chissà ……….

  • fernando Reply

    26 marzo 2015 at 10:32 pm

    Sono molto vicino alla Benemerita in questo momento non facile per loro… Hanno inzozzato la divisa ma non hanno minimamente intaccato l’ amore e l’ affetto del popolo italiano verso di Essa.

  • Alberto Reply

    26 marzo 2015 at 11:49 pm

    Forse con 2 schiaffi avrebbe contribuito a pagargli 2 avvocati, con una costola rotta avrebbe contribuito ad assicurare loro una degna pensione e poi Lei avrebbe fatto la fine del Capitano De Falco (quello di Schettino)!!! Invece per quelli che sparano a zero sulle Forze di Polizia, gradirei ricordare Loro che 10 – 15 mele marce non possono far dimenticare i sacrifici dei restanti 278.460.

  • Francesco Reply

    27 marzo 2015 at 5:39 am

    UN SUO COLLEGA LI HA SELEZIONATI SI RICORDI DI AMMAZZARE ANCHE QUELLO E QUELLO CHE LO HA RACCOMANDATO PER ENTRARE….
    NON FARE IL PALADINO DELLA GIUSTIZIA NON VI COMPETE…

  • attilio Reply

    27 marzo 2015 at 9:30 am

    Essendo militari perche’ non sia applica la legge Marziale.

  • saverio Reply

    27 marzo 2015 at 2:01 pm

    il comportamento di due singoli non puo infangare quanti tra carabinieri polizia gdf guardia costiera forestale e polizia penitenziaria lavorano con grande umilta’

  • fabrizio Reply

    27 marzo 2015 at 5:10 pm

    Fabrizio paulis concordo con lei, ha inquadrato perfettamente il pensiero di tanti italiani onesti! Mi hanno raccontato con certezza di un carabiniere condannato a 2 anni e quattro mesi ed è ancora a divertirsi con la paletta… e se volete vi facciamo nome e cognome… guida senza casco… senza assicurazione

  • marco Reply

    27 marzo 2015 at 7:17 pm

    Gli ufficiali hanno lavorato al caso? Si si proprio così, i vo,evo proprio vedre; gli altri ruoli, soprattutto quello dei marescialli che faceva nel frattempo si grattava?…ma per favore….

  • giuseppe angotti Reply

    29 marzo 2015 at 10:02 am

    caro generale prima li arruoli questa gentaglia e poi parli, la sai una cvosa voi vi fate vedere solo quando succede qualcosa, e vi fate grandi, comunque in questo stato siete pure voi a fare diventare delinquenti con la disciplina, in questo corpo vanno avanti solo i lecchini, non o paura di scrivere perche nell.arma o fatto ben 33 anni, e non voglio scrivere piu, se non iun libbro

  • Frank Reply

    29 marzo 2015 at 3:25 pm

    Caro Agnotti, mi trovi un’istituzione, una sola, che non contenga del marcio al suo interno. Ci fosse anche un solo carabinire onesto in tutta l’arma, questo non meriterebbe di rimanere vittima delle generalizzazioni.
    Siamo tutti uomini con le nostre passioni, i nostri tumulti e i nostri impulsi.
    Poi diventiamo uomini-medici, uomini-preti, uomini-carabinieri, uomini-santi e uomini-canaglia.
    Se chi ha bevuto un bicchere di vino cattivo dovesse ragionare come lei dovrebbe resterebbe astemio per tutta la vita…

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it