Rimini, mette ko Carabinieri scambiati per nemici di guerra: ai domiciliari

soldatodomiciliariVittima di una sindrome post-bellica, avrebbe scambiato i Carabinieri per soldati nemici, per questo li avrebbe aggrediti con violenza. Si basa su questa nevrosi, riconducibile agli anni trascorsi nell’esercito, la tesi difensiva del legale di un 33enne moldavo, arrestato a Rimini dopo aver alzato le mani contro i Carabinieri, intervenuti su segnalazione del titolare dell’hotel in cui l’uomo stava infastidendo i clienti. A provocare lo stato di alterazione dell’arrestato, anche il mix di alcool e droga, altra conseguenza della patologia che lo affligge, conseguenza del periodo trascorso al fronte, in prima linea il conflitto ceceno. A Rimini si registrò un caso simile: un ragazzo che lavorava nell’esercito visse un’odissea analoga, dopo aver combattuto in Afghanistan. Fu processato e assolto, in quanto non imputabile. Intanto il 33enne è stato scarcerato: ha ottenuto gli arresti domiciliari, presso l’albergo gestito dalla madre, presente lunedì in Tribunale all’udienza del processo, aperto per i reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Il legale del 33enne, l’avvocato Diego Pensalfini, ha ottenuto il rinvio del procedimento a giovedì 28 maggio.

AltaRimini

Redazione

Redazione1911 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it