Sardegna: caccia alla pantera

evidNon è ancora psicosi ma l’apprensione è tanta nel nord Sardegna per il timore che una pantera si aggiri nei boschi tra Bultei, Pattada e Nughedu San Nicolò (SS). I primi avvistamenti risalgono alla metà di gennaio ma nessuno aveva dato credito alle testimonianze pensando che potessero essere dovute a qualche bicchiere di vermentino di troppo. In questi mesi però gli avvistamenti si sono moltiplicati e si sono verificate uccisioni sospette di diversi capi di bestiame: pecore, capre e bovini. Sono stati rinvenuti anche nove cani uccisi. Il caso ha destato allarme nel Goceano (il nome della regione degli avvistamenti ndr) tanto che gli uomini della Forestale sono stati incaricati di effettuare rilievi sulle orme e reperire feci da sottoporre alle analisi dell’istituto zooprofilattico.

Il timore è che possa trattarsi di un esemplare fuggito da uno zoo o scappato ad appassionato di animali che lo deteneva illegalmente. Gli ultimi avvistamenti sono di questa settimana ad opera di un cacciatore che parla di “un grosso animale nero, con la testa di un gatto e la coda lunghissima” che si è presentato a 20 metri da lui e dai suoi compagni di caccia. Questo spiegherebbe anche perché nelle campagne interessate dagli avvistamenti sia praticamente sparita la selvaggina: i cinghiali in particolare.

Intanto gli esperti hanno analizzato i capi di bestiame attaccati ed escludono che le ferite possano essere state causate da predatori autoctoni: martore, volpi o da cani randagi.

Commenta con il tuo account social

1 Comment

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it