Scrisse documento di sostegno ai “gambizzatori” di Adinolfi: perquisita abitazione di un anarchico

Il documento dei ‘dissociati’ aveva provocato un aspro dibattito

Genova. Apologia di terrorismo e istigazione a delinquere. Sono questi i reati contestati a C.D.M. militante di area anarchica la cui abitazione è stata perquisita ieri. Secondo gli investigatori dei Ros, coordinati dal sostituto procuratore Federico Manotti, l’uomo sarebbe l’autore di un documento che sostanzialmente enfatizzava l’attendato a Roberto Adinolfi, che il 7 maggio 2013 è stato gambizzato dagli anarchici Alfredo Cospito e Nicola Gai, invitando altri a compiere gesti di azione diretta.

A pochi giorni dall’attentato, subito rivendidato dalla Federazione anarchica informale, a Genova era infatti stato pubblicato sul sito indipendente Indymedia un documento ‘I puntini sulle i’ anonimo ma firmato “qualche anarchico e alcuni cittadini libertari a Genova” che prendeva le distanze dall’attentato. In tutta risposta, sul sito anarchico Inform-azione era stato pubblicato un testo di risposta (il cui testo è questo ripreso qui) polemico con quanti sono so dissociati “per pararsi il culo” colpevoli di aver scritto “un documento che prende in considerazione solo l’azione a quel pezzo di merda di Adinolfi, come se non si meritasse una pallottola in una gamba, e parla di qualche mortaretto spedito qua e la come il male assoluto”. E accusando la fazione opposta di aver avuto il coraggio di firmarsi, lui si firma “Carlo di Genova, più o meno”.

Nella perquisizione sono stati sequestrati 2 computer, 1 hard disk, 2 USB Stick e materiale cartaceo.

genova24

Redazione

Redazione1905 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it