Servono dei preti come Dio comanda

padre michel-marieChi è il prete? E’ quello che ha “il potere di Cristo”. Certamente non dev’essere codardo, un uomo d’apparato, non deve andare a caccia di promozioni, non deve essere ossequioso per interesse, non deve essere tiepido, ipocrita, e via discorrendo. Con il linguaggio del grande predicatore, padre Michel-Marie Zanotti-Sorkine, ex chansonnier nei cabaret di Parigi, che all’età di ventotto anni abbandona le scene per vestire l’abito talare, scrive contro la tiepidezza dei sacerdoti responsabili del decadere della fede nei cuori degli uomini.
Padre Michel-Marie è parroco in una parrocchia di un quartiere multietnico di Marsiglia, la sua chiesa un tempo era vuota, ora ha tanti fedeli. Il segreto di tutta questa rinascita è che l’ex chansonnier predica “i grandi precetti della Chiesa, il dono di sé, la carità verso il prossimo e la fiducia in Dio”. Il prete francese intende scuotere i suoi confratelli dalla tiepidezza, dalla debolezza, dalla leggerezza, dall’inoperosità, per questo ha scritto qualche anno fa un libro, recentemente pubblicato dalla Mondadori, “I tiepidi vanno all’inferno” (2014); lui stesso scrive che si tratta di un “Piccolo trattato dell’essenziale”, alcune riflessioni, su ciò che manca nell’uomo e nella società, alcuni li chiamano “valori, ma che in fondo non sono nient’altro che la vita quando si svolge come deve”. Sono 20 brevi capitoli, definiti dal parroco, “venti luci”.

Padre Michel-Marie analizza il momento attuale della Chiesa e del mondo cattolico, la situazione è grave, anzi gravissima. Fa un elenco abbastanza negativo, ne propongo una sintesi: “la maggior parte delle nostre parrocchie è senza eredi, la messa non trattiene più il cuore; da molte parti fa addormentare, annoia, delude, allontana persino chi la fede ce l’ha; i battesimi diminuiscono, le aule di catechismo si svuotano, la confessione agonizza…”. I credenti non praticanti aumentano, “sguazzando in uno stato di indifferenza e serena neutralità, mentre i non credenti e gli agnostici di ogni genere pullulano e si moltiplicano allegramente”. E provocatoriamente ci invita a non sminuire la realtà: “non dite che il numero non conta, che la qualità è più importante”. Soprattutto non accampiamo scuse, tipo che ci sono qua e là, “gli eterni segnali di speranza”. Certo don Michel-Marie riconosce l’esistenza dei tanti movimenti, delle associazioni cristiane, dei tanti preti, fratelli cristiani, giovani, veri araldi della fede, che ogni giorno si danno senza risparmiarsi. Nonostante tutto questo, la situazione rimane gravissima. Pessimismo? Non credo, il prete deve dare una scossa, deve provocare non deve predicare rassegnazione, e il libro di padre Michel-Marie ha questo intento.

E’ evidente che la nostra società, quella occidentale, la Vecchia Europa, sta vivendo un “inverno religioso”. “Di chi è la colpa? Nostra, prima di tutto, preti di Gesù Cristo, che non lo siamo a sufficienza”, scrive padre Zanotti- Sorkine. “Via, siamo onesti e non appelliamoci alla società moderna, con i suoi sconvolgimenti, i suoi cambiamenti, i suoi conflitti tra culture e altre problematiche emerse, per giustificare il prosciugamento dello spirito cristiano nel nostro paese”. Insiste il prete francese: “niente scuse, non sarebbe degno della santa Chiesa che si è sempre diffusa al di sopra del paganesimo o della falsità degli dei(…) E poi, pensiamo anche solo a san Paolo! Ha forse beneficiato delle circostanze più favorevoli per annunciare il Regno e edificarlo?(…) la verità è questa: non abbiamo più il sacro fuoco. L’immagine che diamo del sacerdozio è troppo insignificante. Non si tocca il cuore. I modi in cui ci poniamo sono inferiori al risultato atteso”. A questo punto il padre francese fa alcuni nomi di modelli, di santi sacerdoti a cui affidarsi, primo fra tutti san Giovanni Maria Vianney, il santo curato d’Ars, poi Vincenzo de’ Paoli, Giovanni Bosco, Massimiliano Kolbe. Pertanto rivolgendosi prima a se stesso e poi agli altri fratelli sacerdoti, ma anche ai cristiani tutti, rimettiamoci tutti, in discussione radicale e con coraggio ribaltiamo le nostre organizzazioni e i nostri piani i cui frutti spesso sono stati molto scarsi. Il padre ci avvisa se non siamo d’accordo con questa premessa, certamente un po’ pessimista ma reale, e soprattutto se crediamo che tutto vada bene, chiudiamo il libro e preghiamo per lui.
Per quanto mi riguarda, il libro non l’ho chiuso e l’ho letto tutto, trovandomi sostanzialmente d’accordo con il prete francese.

Sono tanti i suggerimenti di padre Michel-Marie, che orgogliosamente per farsi riconoscere nelle strade, cammina sempre in talare nera. “La veste è una divisa da lavoro, un grembiule da cottimista; seppur nera, è una ‘tuta blu’(…) Portala, questa veste, e vedrai subito i frutti dell’immaginario dell’uomo che ti collegherà istintivamente a Vincenzo de’ Paoli, a Jerzy Popieluszko, a Giovanni Paolo II, che non ebbero paura di mostrare la loro scelta in materia d’amore”.
Tra i tanti consigli, invita il prete a non essere freddo, distante, scuro in volto, “la bontà sia immediatamente percepibile nei tuoi occhi. Allenati davanti allo specchio”. Don Michel-Marie sottolinea anche che il prete deve avere classe, stile, mai la moda. Non dev’essere volgare, fare sempre il primo passo. Mai lamentarsi: “Credi che Dio ti serva le anime su un vassoio, già ben disposte, sottomesse e tutt’orecchi? Ma come puoi essere così immaturo? Dio ti manda gli storpi, i pazzi furiosi, le anime dannate, gli ottusi, i balordi, i tonti, ma sono tutti amati figli di Dio. Forza, fai piacere a Lui, salvali!”

Il prete dev’essere allegro, una punta di umorismo, ma mai ironia nel tono della voce, mai una parola contro chicchessia. Adattati a ogni persona, ai suoi limiti, alle incoerenze. “Ama gli animali e rispettali facendo loro qualche carezza, quando capita”, (faccio felice Miryam). Per quanto riguarda i problemi sociali, “se hai delle risposte dalle, ma ricordati che l’essenziale si trova oltre il tempo(…) prima di occuparti di politica, nei versetti del Vangelo guarda bene Cristo e i suoi problemi, e vedrai ciò che interessa a lui”.
Sulle questioni ecclesiali, “Dì ciò che pensi, sii ciò che sei, alla luce di ciò che la Chiesa universale scrive sul tempo esatto che tu vivi. Non sbagliare decennio. Rispondi presente all’appello del papa. Il suo orologio fa l’ora esatta”. Ancora, “entra nell’orbita di santo Stefano che ha aperto la strada, e lascia alla massa dei chierici gli avvitamenti del linguaggio…”. Sulle verità di fede, scrive: “Un prete che non parla più del Cielo lo ha lasciato da molto tempo” e quindi occorre evocare il purgatorio, l’inferno, il paradiso. Curare la liturgia, la messa, niente improvvisazione, verbale o gestuale. Ognuno nel suo ruolo, il prete e il laico. Non bisogna clericalizzare i laici. Attenzione a quei fedeli “impegnati” che si collocano al di sopra dei loro fratelli che bussano alla porta della chiesa. Attenzione alle riunioni interminabili in parrocchia, “in cui la maggior parte del tempo i pensionati sollevano problemi che non esistono”. “Va oltre e portali oltre”. Astieniti da qualsiasi critica nei confronti dei tuoi fratelli, che siano vescovi o sacerdoti.

Nell’ultima parte il libro, si chiede “che cosa manca oggi all’anima della vita”, tra tante cose manca il buon senso, la gioia, la bontà, il silenzio, il desiderio d’amore, la pazienza, la perseveranza, l’umiltà…

Commenta con il tuo account social

1 Comment

  • calogero Reply

    20 giugno 2015 at 4:29 pm

    ok

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it