Sindaco grillino denunciato per abuso edilizio

Primi guai giudiziari per gli esponenti del M5S. A Quarto, in provincia di Napoli, il sindaco 5Stelle, Rosa Capuozzo, è stata denunciata per abuso edilizio da un privato cittadino, che ha fornito alle autorità competenti un corposo dossier, corredato persino da foto dettagliata. Della vicenda ne parla il quotidiano Il Mattino, che scrive:

Si vanno via via definendo sempre di più i contorni della vicenda che coinvolge l’unico sindaco M5S in Campania, Rosa Capuozzo: l’accusa piovuta su una presunta richiesta di condono edilizio «macchiata» da incongruenze. A far scoppiare il caso l’invio ai carabinieri e ai consiglieri, da parte di un privato, di un dossier e una fotografia aerea scattata nel maggio del 2003, anno indicato dal marito del sindaco come quello in cui sarebbe stato consumato l’abuso da sanare: il cambio di destinazione d’uso di un sottotetto a civile abitazione.

 

Il manufatto in questione è lo stesso che ospita la tipografia del marito, la loro abitazione e lo studio legale della Capuozzo. Secondo l’autore del dossier, però, la richiesta di condono sarebbe stata effettuata entro i termini prescritti e cioè entro il 30 aprile del 2003. Ma dalla fotografia aerea, datata 12 maggio dello stesso anno, risulta che il sottotetto non era stato ancora realizzato. In pratica si tratterebbe di un abuso non sanabile in quanto non preesistente alla data indicata. Altro «dubbio» che viene sollevato nel dossier riguarda poi una serie di richieste di ulteriore documentazione che l’Ufficio tecnico del Comune avrebbe inoltrato al marito del sindaco.

 

Documentazione, però, inerente altro abuso da sanare: l’ampliamento del piano terra all’interno del quale è ubicata la tipografia. Che cozzerebbe con quanto il Comune avrebbe richiesto nel gennaio del 2013: il pagamento delle somme dovute per il condono sull’abuso del 2003; mentre poco più di un mese fa via De Nicola avrebbe chiesto documenti aggiuntivi per l’ampliamento del piano terra, dunque per un abuso da sanare che nulla avrebbe a che fare con quello risalente a 12 anni prima. A dir poco contorto, dunque, il contenuto del plico.

 

Secondo il sindaco, però, sarebbe una messa in scena volta a danneggiare la sua immagine e si dice pronta a dimostrarlo: «Mi sono recata dai carabinieri per chiedere di compiere tutti gli accertamenti del caso nel più breve tempo possibile.  E già il 2 novembre una squadra di tecnici è venuta a fare un sopralluogo e ha eseguito tutte le misurazioni sugli immobili, forse troppo velocemente. Sarà mia cura pubblicare on-line le risultanze di queste indagini tecniche».

Ora la Capuozzo dovrà chiarire al più presto la sua posizione, per evitare sia un atto di sfiducia da parte dei suoi consiglieri che da Beppe Grillo e Roberto Casaleggio.

 

Redazione

Redazione1910 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

5 Comments

  • giuseppe Reply

    4 novembre 2015 at 2:07 pm

    Questo non é il.primo e non sarà l’ultimo grillino inquisito, ricordiamoci dell’arresto per mafia in Calabria, per sequestro di persona a Bassano del Grappa, gli inquisiti per fondi in Liguria, Piemonte, Emilia Romagna….
    Oltre che nullafacenti, ex rifondaroli, ex centri sociali, di sinistra vicino ad ambienti anarchici come Nogarin sindaco di Livorno, sinistri terzomondisti come Di Battista, Di Stefano, Sibilia e Di Maio si adeguano alla nuova condizione sociale, gente e partito da evitare sparatutto per i vertici Casaleggio e Sassoon, della potente famiglia di banchieri immigrazionisti.

    • Micke Reply

      4 novembre 2015 at 4:28 pm

      Mi incuriosisce capire come possano esser sinistri i discorsi del De Maio terzomondista!

      • giuseppe Reply

        4 novembre 2015 at 5:50 pm

        Lei non é a conoscenza che Di Maio era con De Magistris? Stesse politiche di sinistra terzomondista? Stessa carne putrfatta.

  • Micke Reply

    4 novembre 2015 at 4:26 pm

    WOW che gran cosa!!! Peggio de mafia capitale oh!!! :O Invochiamo la FORCA per questa abusatrice tremenda che ha commesso un orrendo delitto ben 12 anni fa…

    • Frank Reply

      4 novembre 2015 at 5:56 pm

      Ma guarda!
      Micke ha già magnanimamente deciso di invocare la prescrizione a favore della simpatica Capuozzo. Cioè, una porcata non è più una porcata in quanto è diventata vetusta, così, di colpo, chi l’ha commessa può essere santificato!
      Ma non eravate voi grillini ad indossare la candida veste degli incorruttibili e a stigmatizzare tutte le nefandezze altrui da destra a manca?
      Non eravate voi soli a presentarvi come un’austera compagine di assoluta moralità che faceva da barriera all’abuso perpetrato dall’estabilishment?
      Bravo Micke, grazie per il fulgido esempio di integrità morale che ci ha voluto fornire.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it