SOS partita IVA apre i suoi comitati territoriali: intervista a Bernardo D’Adamo

12048744_10201253415574234_1437752011_n

Dalla società civile impegnata a quella che si organizza concretamente. Con questa intervista inizieremo a seguire la nuova iniziativa di SOS Partita Iva relativa alla costituzione dei suoi Comitati Territoriali su tutto il territorio nazionale.

E’ la volta di Bernardo D’Adamo, artigiano romano, uno dei responsabili del Comitato Roma Balduina, uno dei primi a costituirsi sul territorio metropolitano della Capitale e a rispondere così all’appello all’auto-organizzazione lanciato da Andrea Bernaudo e dalla sua agguerrita associazione.

Cosa ti ha spinto Bernardo a metterti in gioco in prima persona con SOS Partita Iva?

Sono un artigiano ed un professionista ed ho pensato che la battaglia sull’abolizione del Solve et repete, mi avrebbe ridato immediatamente quella sacrosanta serenità di chi può difendersi senza dover prima pagare. Tutti noi, oltre al pesante fardello fiscale che portiamo tutti i giorni sulle spalle della nostra attività, viviamo nell’incubo di un accertamento che, anche qualora fossimo del tutto in regola, non ci fa vivere e lavorare sereni con la spada di Damocle di un ingiunzione da pagare forzatamente in anticipo e che nel 51% dei casi non dobbiamo all’erario.
Ero semplicemente stufo e per questo ho deciso di fare qualcosa insieme a quelli che vivono la mia stessa condizione che pare sempre più essere quella dei perseguitati che quella delle persone libere.

Cosa farete di concreto per sostenere le iniziative dell’Associazione?

Saremo nel nostro quartiere la cassa di risonanza di SOS partita IVA, quello che mi è piaciuto di questa associazione è anche il metodo nuovo di coinvolgere le persone comuni facilitandone l’impegno compatibilmente con le nostre occupazioni.
Noi possiamo occuparci dei nostri interessi politici solo a patto che sia possibile farlo senza alcuna asfissiante burocrazia come quella purtroppo con la quale abbiamo già a che fare quotidianamente.
Poche scartoffie e tante idee partecipate.

Cosa ti auspichi di positivo per la situazione economico-politica generale del paese e per quella della tua città o del tuo quartiere?

Per il paese mi auguro qualsiasi cosa possa lenire questo inferno fiscale nel quale viviamo da anni, per la mia città ed il mio quartiere che cambi al più presto la giunta in carica.
Da quando è in carica Marino, senza dover ricordare il resto che ha caratterizzato fin qui la sua storia di sindaco, da Mafia Capitale alle foto delle tartarughe ai Caraibi, la strada dove è sito il locale nel quale esercito la mia professione, la strada di quello che era e che voglio continui ad essere uno dei quartieri più belli di Roma: la Balduina, è stata pulita, da quando c’è lui, appena due volte, per non parlare dei cassonetti dell’immondizia sempre ricolmi e debordanti rifiuti, servizio che pure ci costa annualmente un occhio della testa.

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it