Stati Uniti, strage al centro disabili: 14 morti. I killer hanno origine araba

san bernardino Sono entrati in un centro per disabili, l’Inland Regional Center, a San Bernardino in California, dove si stava tenendo una festa natalizia, e hanno aperto il fuoco uccidendo 14 persone e ferendone altre 17. Tre gli esecutori, e due di questi sono stati individuati: uno è Syed Farook, 28enne americano di origine araba, dipendente dell’Ispettorato della Sanità; l’altra è Tashfeen Malik, probabilmente la moglie.

Ancora incerto il motivo della strage: non è ancora certo il movente ma si fa sempre più largo l’ipotesi di un attacco jihadista, anche perché di recente si è scoperto che Farook aveva compiuto un viaggio in Arabia Saudita. Queste sono le diverse ricostruzioni, raccolte dal Corriere della Sera:

Nelle prime ore dopo la strage la polizia aveva raccolto testimonianze secondo le quali Syed avrebbe avuto un alterco con altri partecipanti al pranzo celebrativo. Si sarebbe quindi allontanato tornando poco dopo armato e coi complici, compiendo la strage. Ma in serata, man mano che il quadro delle indagini si faceva più nitido, sembra essere emersa un’altra ricostruzione: Syed si era affacciato nell’auditorium solo per controllare che il bersaglio fosse sufficientemente “soft”, privo di protezioni. Poi sarebbe tornato con la complice (ma forse c’era anche terzo killer) vestito come un incursore e con diverse armi d’assalto con le quali ha scaricato per più di trenta secondi raffiche di colpi sui presenti. Poi ha ricaricato e ha continuato la carneficina. Quindi la fuga a bordo di un “Suv” nero che cinque ore dopo il massacro è stato individuato dalla polizia in un quartiere residenziale a due miglia dal luogo del massacro: il conflitto a fuoco si è concluso con la morte dei due in fuga sul veicolo e il ferimento di un agente.

I musulmani americani hanno voluto prendere immediatamente le distanze convocando una conferenza stampa con una rapidità notevole (per alcuni ammirevole, per altri sospetta). Sul palco della conferenza stampa era presente anche il cognato di Syed Farook che si è detto incredulo per il gesto compiuto dal parente.

Redazione

Redazione1905 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

1 Comment

  • monica_cappellini Reply

    3 dicembre 2015 at 9:21 am

    agghiacciante ; si sono ispirati anche alla selezione hitleriana?

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it