Suicida con la pistola agente della Polizia Locale

suicidio-1

PADOVA. Se n’è andato Maurizio Amato, 50 anni appena, uno dei vigili della portineria di Palazzo Moroni. Si è sparato nella cucina di casa con la pistola d’ordinanza: ieri, intorno alle 20.30, il fratello e i carabinieri di Legnaro lo hanno tovato seduto in cucina, sul tavolo un biglietto di poche righe per dare una spiegazione a quel gesto estremo. Per tutta la serata è stato un viavai di colleghi nell’abitazione di Saonara, un appartamento al primo piano di un condominio in via Falcone 9 dove l’agente viveva. Un mesto “pellegrinaggio” per ricordare Maurizio che, forse, cercava di mascherare con il suo carattere un male di vivere destinato a tormentarlo.

Maurizio Amato, classe 1965, era in servizio nel corpo della Polizia municipale dal 1992. Fin da subito aveva preso servizio nella portineria del Comune: nessuno poteva sfuggire al suo controllo, sempre attento e scrupoloso. Nemmeno chi tentava di fare il furbo fuori dal recinto del Palazzo, magari scorrazzando in bicicletta lungo i marciapiedi del centro storico o nelle vie riservate ai pedoni: Maurizio bloccava gli indisciplinati e richiamava al rispetto delle regole. Era fatto così: preciso e scrupoloso con gli altri, ma anche con se stesso. Nel suo lavoro, che amava moltissimo, era molto professionale tanto che venerdì sera, quando era evidente il suo ritardo, si è preoccupato il collega che avrebbe dovuto condividere il turno notturno con lui. Così ha cominciato a chiamarlo al cellulare e a casa. Nessuna risposta. Quel silenzio è diventato, via via, sempre più inquietante. È allora che si è deciso di allertare il fratello e i carabinieri.

In pochi minuti l’arrivo davanti all’abitazione di Maurizio in via Falcone. Ma nessuno aveva una copia della chiave: solo grazie a una scheda magnetica, i militari sono riusciti ad aprire ugualmente la porta d’ingresso dell’alloggio perché non era stata bloccata con la sicura interna. Nell’appartamento sono entrati il fratello e i militari, mentre un collega della Municipale è rimasto fuori. Immediata la scoperta del tragico epilogo.

Ieri sera nella casa di Maurizio Amato è arrivato anche il medico legale per la constatazione del decesso e la Scientifica dell’Arma. E non hanno voluto mancare di rendere omaggio al vigile il comandante della Polizia municipale Antonio Paolocci e l’assessore alla sicurezza Maurizio Saia.

Fonte: Il Mattino di Padova

 

Redazione

Redazione1910 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it