Vallanzasca e i boxer rubati, confermata in Appello la condanna a 10 mesi

Renato Vallanzasca in tribunale a Milano al processo per direttissima dopo essere stato fermato per furto, 14 giugno 2014.   ANSA/STEFANO PORTA
Renato Vallanzasca in tribunale a Milano al processo per direttissima dopo essere stato fermato per furto, 14 giugno 2014.
ANSA/STEFANO PORTA

È stata confermata in appello la condanna a 10 mesi di reclusione e a una multa da 300 euro inflitta in primo grado a Renato Vallanzasca, accusato di aver rubato un paio di boxer e altra merce il 13 giugno dell’anno scorso in un supermercato a Milano.
Lo hanno stabilito i giudici della terza sezione penale della Corte d’Appello di Milano, che hanno accolto la richiesta del sostituto pg Maria Elena Visconti.

Il collegio giudicante presieduto da Ada Rizzi ha respinto, inoltre, la richiesta del difensore di Vallanzasca, l’avvocato Ermanno Gorpia, di un confronto in aula con l’addetto alla sicurezza del supermercato in servizio quando è avvenuto l’episodio. «Non ho rubato niente, e non mi è stata data la possibilità di difendermi», ha spiegato Vallanzasca in aula, rilasciando dichiarazioni spontanee durante l’udienza. «Sono spariti i filmati delle telecamere – ha proseguito – e non ho mai potuto avere un confronto con il vigilante del supermercato».

La sentenza potrebbe costare a Vallazasca, il cui curriculum giudiziario comprende 4 ergastoli e condanne a 296 anni di carcere, la reclusione a vita perchè rende molto più difficile la concessione di qualsiasi beneficio nel suo percorso detentivo che sta scontando ad Opera, compresa la liberazione condizionale. Già lo scorso giugno, infatti, l’arresto per il furto di mutande, concime per piante e cesoie aveva avuto un effetto pesante: il Tribunale di Sorveglianza gli aveva revocato il regime di semilibertà di cui godeva dall’ottobre 2013 (usciva per lavorare durante il giorno e tornava in carcere a dormire). Il 14 novembre scorso, poi, era arrivata la condanna in primo grado a 10 mesi da parte del giudice Ilaria Simi De Burgis per tentata rapina impropria. «È un dato di fatto che Vallanzasca possa avere numerosi nemici – ha sostenuto in aula l’avvocato Gorpia – e che qualcuno possa essere interessato a fargli perdere il posto di lavoro o a toglierlo dalla circolazione facendolo tornare in galera».

Il Messaggero / foto Ansa

Redazione

Redazione1899 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

1 Comment

  • emi Reply

    24 aprile 2015 at 4:34 pm

    molto bene!

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it