​Bengalese tenta di violentare donna incinta all’ottavo mese ma non va in galera

incintaDenunciato in stato di libertà per aver tentato di stuprare una donna incinta. E’ forse questo il lato più incredibile della vicenda accaduta qualche giorno fa a Monfalcone, in provincia di Gorizia. A raccontarla è stato Il Gazzettino

Nel tardo pomeriggio di ieri, venerdì 21 gennaio, verso le ore 19.30, una ragazza 33enne di Monfalcone, incinta all’ottavo mese, mentre rientrava a casa a piedi con la spesa in una strada laterale di via Romana, è stata  avvicinata da uno sconosciuto dai lineamenti sud-asiatici che la stava seguendo da qualche minuto e che le ha metto le mani addosso, stringendola a nuca e faccia e chiedendole di baciarla.

La reazione della ragazza è stata decisa: lo ha respinto con forza, riuscendo anche a graffiarlo agli zigomi, facendolo scappare. Poi ha chiamato il 112 denunciando l’accaduto ai carabinieri che sono riusciti a rintracciarlo. Si tratta di A.T., originario del Bangladesh, 33enne, residente a Monfalcone da molti anni, operaio incensurato, denunciato in stato di libertà dai militari dell’Arma per tentata violenza sessuale e lesioni personali. La coraggiosa ragazza, dopo il forte spavento, è stata accompagnata al pronto soccorso di Monfalcone, dove è stata medicata per “trauma facciale in gestante”, con prognosi di 8 giorni e, fortunatamente, nessuna altra conseguenza.

Redazione

Redazione1899 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

2 Comments

  • giuseppe Reply

    26 gennaio 2016 at 12:03 am

    e siamo a 4 in 5 giorni!! tutti musulmani, a parte a Padova (una minorenne sul bus) dove é stato un ucraino.

  • Paolo Reply

    26 gennaio 2016 at 8:17 pm

    Non ho parole…

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it