Abbiamo coperto di onori il leader di un paese che impicca i minorenni

minori impiccati iranPer non mancargli di rispetto, siamo arrivati addirittura a coprire le statue di nudo dei musei capitolini per “non offenderlo”: ci siamo coperti di ridicolo e ci siamo genuflessi ad un leader di un paese che, stando a quanto riporta Amnesty International, non si fa alcuno scrupolo neppure ad impiccare minorenni. Ne ha parlato Panorama.

Amnesty International ha pubblicato oggi un rapporto nel quale viene documentato come decine di persone minorenni al momento del reato siano nei bracci della morte in Iran.

Il rapporto, “Diventare grandi nel braccio della morte”, smaschera l’ipocrisia delle autorità iraniane che cercano di negare le costanti violazioni dei diritti umani e il fatto che l’Iran resta uno degli ultimi paesi al mondo a mettere a morte minorenni al momento del reato.

Il rapporto di Amnesty segue di pochi giorno quello di Nessuno Tocchi Caino con i terribili dati generali delle esecuzioni nel paese degli Āyatollāh.

“Il rapporto evidenzia la vergognosa violazione dei diritti dei minorenni in Iran, uno dei pochi paesi al mondo che prosegue a mettere a morte persone che al momento del reato non avevano raggiunto i 18 anni di età, in flagrante violazione del divieto assoluto sancito a livello internazionale” – ha dichiarato Said Boumedouha, vicedirettore del programma Medio Oriente e Africa del Nord di Amnesty International.

Nonostante alcune riforme nel campo della giustizia minorile, l’Iran continua a mantenere in vigore leggi che consentono di condannare a morte bambine di nove anni e ragazzi di 15 – ha sottolineato Boumedouha.

Scrive Amnesty: Negli ultimi anni, le autorità iraniane hanno dato molta enfasi alle modifiche al codice penale islamico del 2013, a seguito delle quali il giudice può decidere per una pena alternativa alla condanna a morte, basandosi sul suo giudizio discrezionale circa la crescita mentale e la maturità raggiunta dal reo minorenne al momento del reato. Nella pratica, però, questa normativa mette a nudo il mancato rispetto degli impegni assunti dall’Iran oltre 20 anni fa, con la ratifica della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia, che vieta l’uso della pena di morte nei confronti dei minorenni al momento del reato.

In quanto stato parte della Convenzione, l’Iran ha l’obbligo giuridico di considerare tutte le persone al di sotto dei 18 anni di età come minorenni e di assicurare che queste non siano mai condannate a morte o all’ergastolo senza possibilità di rilascio.

Dal 2005 al 2015, rivela ancora il rapporto dell’ong, l’Iran ha messo a morte 73 minorenni al momento del reato. Altri 160, secondo le Nazioni Unite, sono in attesa dell’esecuzione nei bracci della morte del Paese. Ma “con ogni probabilità, i dati effettivi sono molto più alti poiché in Iran le informazioni sulla pena di morte sono avvolte dal segreto”. Amnesty International è stata in grado di identificare i nomi di 49 minorenni condannati a morte per reati commessi quando avevano meno di 18 anni, e anche le prigioni in cui sono reclusi. In media, la maggior parte di loro si trova nel braccio della morte da sette anni, alcuni da più di 10 anni.

“In alcuni casi, le autorità hanno fissato la data dell’esecuzione per poi rinviarla all’ultimo minuto, aggiungendo altra angoscia a quella derivante dall’essere nel braccio della morte. Questo è come minimo un trattamento crudele, inumano e degradante”.

Redazione

Redazione1908 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

4 Comments

  • RM Reply

    27 gennaio 2016 at 4:52 pm

    Abbiamo coperto di >>>ECCESSIVO RISPETTO<<>>PRESIDENTE ELETTO<<>>STATO SOVRANO<<>>COMBATTE IL TERRORISMO ISLAMICO<<>>SUNNITA<<SUNNITI
    AL-QAEDA e AFFILIATI->SUNNITI
    TALEBANI->SUNNITI
    HAMAS->SUNNITI
    BOKO HARAM->SUNNITI

    Saluti.

  • RM Reply

    27 gennaio 2016 at 4:54 pm

    Abbiamo coperto di ECCESSIVO RISPETTO un PRESIDENTE ELETTO di uno STATO SOVRANO e musulmano che COMBATTE IL TERRORISMO ISLAMICO

    A differenza degli Usa, di Erdogan, dei monarchi sauditi e di Israele che supportano il terrorismo e lo stragismo in Siria e che sono responsabili della più grande crisi umanitaria dal dopoguerra.

    Ricordo a tutti voi che l’Iran è un paese sciita e che il terrorismo islamico invece è SUNNITA a meno che non considerate anche voi gli Hezbollah dei terroristi perchè ve lo hanno ORDINATO.

    ISIS: SUNNITI
    AL-QAEDA e AFFILIATI: SUNNITI
    TALEBANI: SUNNITI
    HAMAS: SUNNITI
    BOKO HARAM: SUNNITI

    Saluti.

  • Carlo Lauletta Reply

    27 gennaio 2016 at 11:03 pm

    “Coperti di ridicolo”: non direi proprio. Mi è sembrato un semplice gesto di garbo verso non
    uno sconosciuto clandestino ma un capo di stato in visita ufficiale. Se una persona mi invita a
    casa sua per un pranzo e sa che io detesto la musica jazz, per educazione non mi farà sentire musica jazz. Quanto all’Iran, io penso che sia oggetto di denigrazione e diffamazione a causa
    di un fatto che invece gli fa onore, cioè il fiero rifiuto di sottomettersi agli Stati Uniti. Non ho
    stima di Amnesty International e in genere delle cosiddette organizzazioni non governative,
    che trovo infide nella sostanza e spocchiose nella forma. Circa Nessuno Tocchi Caino, poi,
    credo che sia, per così dire, istituzionalmente votata al male. Il bene, infatti, è che Nessuno
    Tocchi Abele e che chi lo fa sia punito: punito in modo da dare soddisfazione ad Abele stesso
    o a chi per lui, applicandosi quindi il principio dell’occhio per occhio. Nel caso che Caino
    sia minorenne, diremo che il giovane che si comporta da adulto, da adulto sia trattato. Che
    poi questa legge o quel trattato stabilisca diversamente, ciò varrà ovviamente sul piano del
    diritto positivo, ma su quello della giustizia ognuno di noi resti, come si racconta abbia detto
    il Buddha morente, “per se stesso la propria dottrina”.

  • GUERINO Reply

    28 gennaio 2016 at 11:28 am

    Uno stato sovrano di un paese sciita che comunque nega i “diritti” degli uomini, impiccando dissenzienti, omosessuali, minorenni e negando ogni libertà religiosa, non ha diritto a tanto rispetto.
    La sua crudeltà non è minimizzata dalle colpe degli altri stati sunniti o colpevoli di altre loro magagne…

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it