Arrestato un marocchino, era pronto a unirsi all’Isis

terrorista isis cosenza foreign fighterÉ stato arrestato un ragazzo di origini marocchine di 25 anni di Cosenza che era in procinto di partire per il medio oriente e unirsi all’Isis. L’uomo, tenuto sott’occhio da metà 2015, era stato respinto dalla Turchia. I dettagli li ha riportati Lucio Di Marzo su Il Giornale.

di Lucio Di Marzo

È stato fermato a Cosenza un giovane marocchino che era indagato dalla Digos della città calabrese e dall’Antiterrorismo, nell’occhio degli inquirenti dal luglio del 2015.

L’uomo, considerato un foreign fighter a tutti gli effetti, aveva raggiunto la Turchia il 10 luglio dello scorso anno, ma era stato poi fatto rientrare in Italia.

Hamil Mehdi, 25enne di origini marocchine, è scapolo e lavora come commerciante ambulante. È il maggiore di quattro figli. È stato messo in manette con l’accusa di essersi addestrato per fini di terrorismo internazionale, reato contenuto nella nuova legislazione antiterrorismo. Per l’accusa aveva una “naturale propensione a sposare la causa dell’Isis”.

Mehdi era arrivato in Italia nel 2006, insieme ai fratelli, ed è residente a Luzzi, nel Cosentino, dove vive con un permesso di soggiorno e dove la famiglia è seguita dai servizi sociali. In paese parlano di persone ben integrate. Secondo gli inquirenti, tuttavia, era pronto a raggiungere il fronte.

Erano state le autorità turche a rispedirlo indietro a luglio, d’intesa con gli uomini del nostro antiterrorismo, che per ragioni di “sicurezza pubblica” lo avevano respinto. “Sono andato in Turchia solamente per pregare”, aveva detto lui, che aggiunge: “Mi avevano già contestato di appartenere all’Isis ma io ho sempre negato”. Mehdi voleva spostarsi in Belgio, dicono le indagini della Digos e della Dda.

Dalle indagini, ha spiegato il procuratore aggiunto della Dda di Catanzaro, Giovanni Bombardieri, emergerebbero contatti con “soggetti che sono stati accertati essere responsabili di attività ricondubili al terrorismo internazionale”. Tra di loro ci sarebbe “anche Ayoub El Khazzani, attentatore del treno Parigi-Amsterdam”.

“Le nuove norme antiterrorismo sono efficaci e di questo sono molto orgoglioso perché premiano il lavoro delle Forze dell’Ordine e offrono nuovi strumenti ai magistrati, adeguati alle strategie che siamo chiamati a fronteggiare”. ha detto il ministro dell’Interno Angelino Alfano, commentando l’arresto.

Redazione

Redazione1908 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it