Banca Etruria, oggi il tribunale decide sulla richiesta di fallimento

banca-etruria-commissariataOggi il tribunale di Arezzo deciderà sullo stato di insolvenza della vecchia Banca Etruria: qualora il tribunale desse l’ok all’insolvenza, la banca sarà dichiarata ufficialmente fallita e si procederà con la nomina del curatore fallimentare. Lo ha riportato Il Sole 24 Ore.

Il Tribunale Fallimentare di Arezzo è chiamato, nell’udienza di oggi lunedì 8 febbraio, a pronunciarsi sullo stato di insolvenza della vecchia Banca Etruria. L’istituto di credito è stato commissariato nel febbraio 2015 dopo che la Banca d’Italia aveva individuato, sulla base delle ispezioni compiute, un grave dissesto finanziario. Sulla richiesta di insolvenza è chiamato a giudicare il collegio guidato dal presidente del Tribunale Clelia Galantino, con il giudice relatore Antonio Picardi e il giudice Paolo Masetti. Il 28 dicembre il liquidatore Giuseppe Santoni ha presentato la dichiarazione di insolvenza, passo necessario dopo il cosiddetto decreto salva-banche approvato dal governo il 22 novembre scorso che ha causato la messa in liquidazione coatta di Banca Etruria.

Se il verdetto accoglierà il ricorso di Santoni, verrà dichiarato lo stato di insolvenza e il fallimento. A quel punto, il Tribunale nominerà un curatore fallimentare; se questi dovesse ravvisare condotte penalmente rilevanti a carico dei vecchi amministratori (tra cui l’ex presidente Lorenzo Rosi e l’ex vice presidente Pier Luigi Boschi, padre del ministro Maria Elena), il collegio dei giudici trasmetterà la relazione alla Procura di Arezzo. Toccherà quindi al procuratore capo Roberto Rossi e agli altri pubblici ministeri del pool che indagano sul caso Banca Etruria (sono stati aperti finora quattro filoni d’inchiesta) analizzare le ragioni che hanno portato l’istituto di credito ad avere i conti in profondo rosso, ipotizzando il reato di bancarotta fraudolenta. Nella relazione di Santoni compare, tra l’altro, una severa critica della gestione dei prestiti concessi dall’istituto e mai rientrati per le difficoltà economiche, quantificati in «circa 3 miliardi di euro». Si legge nella relazione: «Le criticità affrontate con grave ritardo dagli organi aziendali erano consistite nella mancata tempestiva adozione di strategie, politiche e strutture dedicate alla gestione dei crediti deteriorati».

Ad aprire l’udienza del Tribunale Fallimentare sarà il giudice relatore Antonio Picardi. Poi prenderà la parola il commissario liquidatore Giuseppe Santoni che presenterà la sua relazione. Toccherà quindi ai legali dell’ultimo presidente della vecchia Banca Etruria prima del commissariamento, Lorenzo Rosi, gli avvocati Michele Desario e Antonio Giunta, illustrare la memoria difensiva già depositata in cancelleria. Secondo quanto si è appreso, gli avvocati Michele Desario e Antonio Giunta, illustrare la memoria difensiva già depositata in cancelleria. Secondo quanto si è appreso, gli avvocati Desario e Giunta potrebbero sollevare la questione di costituzionalità sul decreto salva-banche che sarebbe considerato illegittimo sotto il profilo della violazione degli articoli 3 (principio di eguaglianza) e 47 (tutela del risparmio). Se la richiesta di una pronuncia della Corte costituzionale verrà accolta dai giudici aretini, l’udienza si interromperà in attesa della sentenza della Consulta; diversamente l’udienza andrà avanti e il Tribunale potrebbe decidere di ascoltare il rappresentante della Banca d’Italia e infine i commissari Antonio Pironi e Riccardo Sora che hanno guidato la banca dal febbraio al novembre 2015.

Redazione

Redazione1905 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it