Boldrini:”No a campagne di discriminazione dopo Colonia”

boldrini velo“In queste ore in rete è stato strumentalmente ricordato un mio tweet di ottobre, nel quale mi congratulavo con la neosindaca di Colonia per la sua elezione dopo che in campagna elettorale un fanatico l’aveva aggredita a coltellate proprio per le sue posizioni sull’immigrazione. Allora come oggi sono al fianco delle donne oggetto di violenza”. Passa al contrattacco Laura Boldrini. Il presidente della Camera ha scritto un post su Facebook per chiarire la sua posizione dopo i fatti di Colonia. “La mia piena solidarietà alle decine e decine di donne vittime di violenze, molestie e umiliazioni fisiche e verbali nella notte di Capodanno a Colonia”, ha scritto.

“Sono dalla parte delle donne, sempre – ha continuato la Boldroni – e trovo intollerabile che nelle nostre città possano essere costrette a subire un clima di intimidazione. Una delle conquiste della civiltà giuridica è il principio che la responsabilità penale è personale: dunque chi ha sbagliato dovrà pagare, indipendentemente dalla sua nazionalità o provenienza, senza che ciò debba alimentare campagne di discriminazione contro intere comunità”.

Redazione

Redazione1910 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

4 Comments

  • Giovanni Bravin Reply

    8 gennaio 2016 at 11:50 am

    Io trovo intollerabile e ingiustificabile che lei, Boldrini, ed altre personalità non sappiano cantare o siano restie all’Inno di Mameli. Solo Pietro Grasso e signora lo hanno cantato, tra tutti i presenti, Mattarella incluso. Il filmato è visibile sul sito del Quirinale in home page. Vergogna!
    Ogni confronto coi francesi ed il Presidente Hollande, che cantano La Marsigliese, vi vede perdenti!

  • riudecols Reply

    8 gennaio 2016 at 12:33 pm

    Da rispedire questi delinquenti ai loro paesi dove forse gli accoglierà ‘ la pena di morte.

  • Paolo Reply

    8 gennaio 2016 at 5:12 pm

    Quando, questo essere, si deciderà una buona volta a tacere?

    • Paolo Reply

      8 gennaio 2016 at 5:13 pm

      E poi, del resto : sai che cosa se ne fanno, le donne che sono state vittime delle violenze, della solidarietà via twitter della sig.ra boldrini 🙁

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it