Caro Sala, i gay non vanno usati come mascotte

GIUSEPPE SALA

Quindi gli omosessuali in politica sono come gli invalidi e disabili nei concorsi pubblici. Quella di Sala, candidato sindaco a Milano per il Pd, non è manco sinistra da salotto ma da cabaret. Chiederei a Sala se, da bojardo di Stato, ha mai pensato di assumere qualcuno per il suo orientamento sessuale? La risposta sarebbe scontata e solleciterebbe un’altra domanda: e allora perché vuoi fare nel pubblico quel che non hai fatto nel privato? Perché intendere il pubblico come uno spazio aperto a ogni frescaccia politicamente corretta? E soprattutto se il “titolo” è l’orientamento sessuale, con quale criterio viene valutato? Come si codifica l’orientamento sessuale in politica e rispetto a cosa è speculare, alle quote eterosessuali?

Falla tutta gay ‘sta giunta se serve, ma falla perché i più bravi sono incidentalmente tutti omosessuali – il mondo ha bisogno di bravi politici e non di checche di regime – e magari non dirci che sono gay perché non siamo, sul lavoro e quindi anche in politica, il nostro sesso né il nostro orientamento sessuale. Saremo davvero culturalmente civili quando usciremo dai clisteri del politicamente corretto e potremmo permetterci una giunta di tutti gay, ignorando quale sia il loro orientamento sessuale. E magari avere nel comune affianco un sindaco bravissimo che la sera, dopo delibere e conferenze di servizi, esce dalla casa comunale e va a fare le orge coi trans. Il tutto a nostra insaputa, perché giustamente sono affari suoi nella identica misura in cui sarebbero affari suoi se invece fosse un padre e marito modello.

Sono i Sala che trattano gli omosessuali come dei malati, come delle persone non libere. La fuffa delle quote eleva a sistema la divisione, spaccia il ghetto per eguaglianza, derubrica l’omosessualità ad orpello ornamentale di cui si servono solo gli etero, lasciando agli omosessuali il sospetto che non meritano quel posto, non avendo altro merito che quello di essere omosessuali professionisti.

E allora, Sala, rileggi e o ristudia Croce, e applicalo alle categorie di questo tempo. Il politico bravo è quello capace e non quello onesto di conio grillino, né l’uomo e la donna in quanto tali, giammai il phrocio elevato a titolo e professione. I gay possono fare tutto come tutti, politica inclusa. Non vanno usati come mascotte ma dobbiamo convincerci che non possa esistere persona potenzialmente brava in politica che non riesca a fare politica come meriterebbe: se non ci riesce, vuol dire che non è brava. Punto. Vale per gli uomini, per le donne, per i gay.

Gennaro Rossi

Redazione

Redazione1910 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

2 Comments

  • riudecols Reply

    5 gennaio 2016 at 4:25 pm

    Perfettamente giusto,la persona capace e’ capace e basta!

  • Paolo Reply

    6 gennaio 2016 at 4:02 am

    Condivido l’ articolo parola per parola.
    Inutile confermare che è proprio la sinistra, con il suo vecchiume ideologico, a creare attimo dopo attimo quelle “differenze” (che in realtà non esisterebbero) e che con i suoi proclami, tanto roboanti quanto vuoti, grida di voler combattere.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it