“Con la riforma Renzi licenziato senza essere avvertito”. L’incredibile storia di Erik

renzi-640-nuovaCara redazione di Qelsi,

Vi scrivo per condividere con voi la mia storia che ha del paradossale. Lavoravo come fattorino presso una piccola rosticceria, con contratto a tempo indeterminato. Fino ad un anno fa gli affari andavano bene, poi è cominciato per una serie di motivi il declino. Mi sono ritrovato ai primi giorni di luglio ad andare in ferie senza sapere se, a settembre, l’attività avrebbe riaperto, e con un paio di mensilità arretrate.

Ovviamente il negozio non ha riaperto, anche se ad oggi non è mai stato dichiarato il fallimento. Adesso mi sono rivolto ad un avvocato, che dapprima ha mandato una lettera dove sollecitava il mio capo a corrispondermi le mensilità arretrate, successivamente mi ha preparato una lettera in cui mi licenziavo per giusta causa. Nel frattempo il mio datore di lavoro si è fatto di nebbia: non è possibile contattarlo in nessun modo, non risponde a chiamate, PEC, raccomandate o mail, tant’è che la raccomandata contenente la mia lettera di licenziamento mi è tornata intonsa.

Con la mia lettera di licenziamento mi reco all’INPS per fare domanda di disoccupazione e qui scopro di essere fuori tempo massimo per farla (68 giorni), in quanto sono già stato licenziato dal mio datore di lavoro in data 11 ottobre. Dal momento che ho scoperto in loco, proprio stamattina, di essere stato ufficialmente licenziato ho chiesto il perché non mi fosse stato notificato, aggiungendo che io tra l’altro non ho firmato niente, e mi è stato risposto, con testuali parole: “Con la legge di Renzi non è più necessario né firmare né notificare il licenziamento”.

In pratica, al di là della totale inadempienza del mio datore di lavoro, non mi è comunque possibile accedere alla disoccupazione perché di fatto sono stato licenziato a mia insaputa.

Erik Licciardi

Redazione

Redazione1899 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

1 Comment

  • sergio41 Reply

    20 gennaio 2016 at 8:54 pm

    Posso sbagliare, ma così ad intuito e a buon senso, mi sembra che l’esternazione dell’ impiegato: “Con la legge di Renzi non è più necessario né firmare né notificare il licenziamento”, sia solo una scappatoia superficiale di quest’ultimo per farla corta.
    Non notificare il licenziamento mi sembra addirittura surreale!
    Mi sembra contro ogni logica, ma poi però da questi governi, spesso approssimativi, ci possiamo aspettare di tutto!

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it