Dopo Colonia, la Merkel rispedisce gli immigrati in Italia

CeBIT ErËffnung 2010Dopo i fatti di Colonia, la Germania ha deciso di respingere con decisione gli immigrati in arrivo in queste ore. Dove tornano gli immigrati respinti? Sì, indovinato: in Italia. Ne ha parlato Ivan Francese su Il Giornale.

di Ivan Francese

Ricordarlo non è elegante, ma stavolta l’avevamo detto per davvero: la Germania continua a respingere i migranti ai propri confini meridionali e i profughi già fanno rotta verso il Friuli.

Soprattutto dopo i fatti di Colonia, la Cancelliera si trova alle prese con un’opinione pubblica interna furibonda contro l’immigrazione senza controlli ed evidentemente ha dato ordine di procedere a un nuovo giro di vite nei controlli in frontiera. Sebbene in pubblico frau Merkel si ostini a ribadire che “la Germania non pone limiti al numero di rifugiati”, i numeri la smentiscono clamorosamente.

La polizia austriaca infatti ha denunciato il respingimento, alla frontiera con la Germania, di centinaia di migranti ogni giorno: e i numeri crescono di ora in ora. Un portavoce della polizia austriaca ha spiegato che i tedeschi respingono in media duecento persone al giorno.

In Germania si trincerano dietro alle leggi vigenti, che effettivamente consentono alle autorità di frontiera di controllare caso per caso chi entra nel Paese, ma dimenticano che fino a poche settimane fa nessuno sembrava avvertire il bisogno di tutto questo rigore.

Da Vienna, il ministro degli Interni Johanna Mikl-Leitner ha chiesto alla Germania di “essere più onesta e ammettere che ormai non apre più le porte in modo incondizionato”. Parallelamente, però, la ministra austriaca ha annunciato che anche Vienna applicherà il trattato di Dublino – che assegna i richiedenti asilo al primo Paese dell’Unione in cui transitano – più rigorosamente.

Dall’inizio dell’anno, scrive il triestino Il Piccolo, gli austriaci hanno già rispedito in Slovenia 1652 migranti. Parte di chi viene respinto dalla Germania entra nel nostro Paese attraverso i due valichi del Brennero e del Tarvisio. La polizia ferroviaria è già in allerta e monitora quotidianamente i treni internazionali con Austria e Slovenia.

Redazione

Redazione1910 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it