Dopo le ‘quote rosa’ la sinistra si inventa le ‘quote omosessuali’

Di Eugenio Cipolla, il - # - 1 commento

gayQuote rosa addio, non siete più di moda. Le primarie del Pd per il candidato sindaco di Milano stanno entrando nel vivo e gli “aspiranti” provano a dare il meglio di sé con promesse funamboliche. Tra queste c’è quella di Pierfrancesco Majorino, attuale assessore alle Politiche sociali della giunta Pisapia, che ha pensionato le “quote rose” in favore delle “quote omosessuali”.

Se diventerà sindaco di Milano, infatti, Majorino ha promesso che nella sua giunta avrà come assessore “una persona omosessuale (uomo o donna che sia). In un Paese medioevale in cui la Legge (moderatissima) sulle Unioni civili prosegue il suo cammino stentato a Milano dobbiamo andare avanti con coraggio”, ha scritto sulla sua bacheca Facebook.

“Abbiamo dato vita al Registro, alla Casa dei diritti, alle iniziative antidiscriminazioni e a tanto altro»”, ha ricordato. “Ora dobbiamo fare ancora di più e per questo vorrei nella mia Giunta un assessore espressione diretta del movimento Lgbt, una persona omosessuale (uomo o donna che sia) capace di raccontare la propria e la nostra idea di città anche a partire dalla propria biografia, dalla propria fatica, dalle proprie lotte”.

@eugcipolla

Riproduzione riservata - ©2016 Qelsi Quotidiano
  • Giovanni Bravin

    Prendiamo atto che non c’è spazio, né soldi per le quote DISOCCUPATI, PENSIONATI, INDIGENTI (Italiani) e tutti gli abitanti che risiedono in paesi e città a rischio idrogeologico….




Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti: