Drogarsi e guidare non è reato: lo dice la Cassazione

corte-di-cassazioneC’è una nuova sentenza della Cassazione, depositata il 27 gennaio scorso, che farà certamente discutere. Per i giudici infatti non è sufficiente provare che sono stati assunti stupefacenti prima di mettersi al volante, ma è necessario dimostrare che la guida sia effettivamente alterata perché sia reato. Lo ha spiegato su StudioCataldi.it Valeria Zeppilli.

di Valeria Zeppilli

In materia di guida in stato di alterazione psico-fisica causato dall’assunzione di stupefacenti, occorre tenere bene a mente una distinzione: la fattispecie di reato di cui all’articolo 187 del codice della strada si configura solo quando effettivamente il soggetto guidi in condizioni fisiche e psichiche alterate a causa dell’assunzione di droghe.A tal fine non è, quindi, sufficiente provare che egli abbia assunto stupefacenti prima di mettersi al volante.

Ad averlo recentemente chiarito è stata la sentenza numero 3623/2016, depositata dalla quarta sezione penale della Corte di Cassazione il 27 gennaio scorso (qui sotto allegata).

Nel caso di specie, l’imputata era ricorsa ai giudici di legittimità per veder alleggerita la sua condanna in considerazione del fatto che l’esame clinico, cui la stessa era stata sottoposta per verificare l’utilizzo da parte sua di stupefacenti,non sarebbe idoneo a stabilire se la riscontrata assunzione delle droghe sia avvenuta effettivamente immediatamente prima di mettersi alla guida o, invece, nei giorni precedenti.

Proprio sulla base delle argomentazioni sopra riportate il ricorso della donna è stato accolto.

Per i giudici, infatti, occorre tenere ben presente un’importante distinzione: mentre per accertare la guida in stato di ebbrezza sono sufficienti l’accertamento del superamento del tasso limite o anche solo la prova sintomatica dell’ebbrezza, per il reato di cui l’articolo 187 del codice della strada non è così.

L’assunzione di droghe nei momenti precedenti la guida deve essere riscontrata sia attraverso un accertamento tecnico-biologico, sia attraverso altre circostanze che provino la situazione di alterazione psico-fisica.

Corte di cassazione testo sentenza numero 3623/2016

Redazione

Redazione1909 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

1 Comment

  • Paolo Reply

    2 febbraio 2016 at 5:31 pm

    Quindi, bere e poi guidare no, perché è male.

    Però, drogarsi e poi guidare si può, perché non è reato.

    Geniale…

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it