É ufficiale: l’Austria installerà filo spinato al Brennero

filo spinatoL’Austria ha deciso di installare delle recinzioni di filo spinato lungo in confini con Slovenia e Italia. Il governo di Vienna denunciando tra i 200 e i 300 sconfinamenti al giorno ha deciso di blindare le proprie frontiere: ne ha parlato Giovanni Masini su Il Giornale.

di Giovanni Massini

Mancava solo una conferma. Che puntualmente è arrivata.

Il filo spinato anti-profughi arriva anche ai confini italiani.

Precisamente al Brennero, dove la polizia austriaca installerà barriere contenitive per fermare i migranti che arrivano dall’Italia.

Lo ha confermato ieri il governo di Vienna: “Oggi ci sono da 200 a 300 sconfinamenti al giorno – spiega il ministro della Difesa Hans Peter Doskozil – Se la situazione dovesse farsi più pesante dobbiamo garantire un accesso ordinato”. La prossima installazione di barriere metalliche al confine è stata confermata anche dal ministero degli Interni, che ha annunciato la fortificazione di tutti i confini meridionali del Paese, sia lungo la Slovenia che lungo l’Italia.

L’Austria ha già installato il filo spinato al confine sloveno di Spielefeld. Ma con la Croazia e la Serbia che si apprestano a chiudere anch’esse i propri confini meridionali, la pressione dei migranti rischia di spostare tutto il suo peso sull’Alto Adige.

“Vienna si sta preparando a chiudere le frontiere. Questo è un fatto – sostiene Fulvio Coslovi, segretario altoatesino del sindacato di polizia Coisp, parlando con Il Fatto Quotidiano – Ma non lo farà né oggi né domani dato che la cosa sarebbe controproducente visti i casi di rimpatri illegali scoperti dai colleghi in frontiera”.

“Avverrà invece entro massimo la fine di marzo quando riprenderanno i massicci sbarchi sulle coste del Meridione e la direttrice dei migranti tornerà a essere il Nord Europa. Il piano è chiaro: trasformare il Sud Tirolo in una sorta di posteggio per clandestini come è accaduto alla Serbia in questi ultimi mesi”

Redazione

Redazione1908 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it