Entra in una casa per rubare, ma il cane lo azzanna. E lui chiede i danni

caneEntra in casa per rubare, ma il cane lo morde. Il ladro, magrebino, non solo non si è costituito, ma chiederà addirittura i danni al padrone della casa che voleva derubare. L’episodio lo ha raccontato L’Eco di Bergamo.

Antico adagio giornalistico: un cane che morde un uomo non fa notizia, un uomo che morde un cane sì. E come la mettiamo con uno che entra in casa vostra, viene morso dal dobermann e vi chiede pure i danni? No, non è uno scherzo, è successo in un comune della Bassa.Normalmente un individuo sorpreso di notte in una proprietà altrui senza giustificazione, se la sarebbe data a gambe, ringraziando chi vuole lui per lo scampato morso e pericolo. Invece nel nostro caso questa persona, un magrebino, ha deciso di sporgere denuncia e pretendere un risarcimento dal proprietario del cane e padrone della casa.

 L’episodio è stato raccontato su Facebook da Fabio Pansera, stimato veterinario di Romano: il padrone del dobermann è suo cliente. Il veterinario conferma la storia: «Il mio cliente vuole restare assolutamente riservato e non sarò certo io a mancare a questo suo desiderio. Posso solo dire che abita in un paese qui vicino e che si è rivolto a me per via dell’episodio e del cane, perché convocato dalle autorità, come mi ha riferito, proprio in seguito al morso».
Per i cani, così come per altri animali, infatti esiste una documentazione su vaccinazioni e altre norme sanitarie. Pansera ha riassunto nel suo messaggio la vicenda scrivendo: «Ieri (pochi giorni fa ndr) un mio cliente, proprietario di un dobermann, è stato convocato dalle autorità poiché il ladro magrebino che nella notte precedente ha cercato di entrare in casa ed è stato morso dal suddetto cane, ha sporto denuncia e vuole essere rimborsato per il morso subito».
Redazione

Redazione1910 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

4 Comments

  • Giovanni Bravin Reply

    3 febbraio 2016 at 1:49 pm

    Il magrebino, magari troverà un giudice che gli da pure ragione…

    • Paolo Reply

      3 febbraio 2016 at 4:00 pm

      Altroché se lo troverà…

  • Gianni Reply

    3 febbraio 2016 at 4:23 pm

    Figuriamoci se non trova un giudice sinistro che non gli darà ragione !!!
    Cose da pazzi. Il mondo è invertito….

  • giuseppe Reply

    4 febbraio 2016 at 12:13 am

    Solo in Italia puo’ accadere che un pm non archivi immediatamente una denuncia da un delinquente.
    Onore al cane che ha salvato una famiglia dalle “risorse” di Boldrini , dott.Bergoglio e sinistra mondialista

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it