Flop delle primarie a 5Stelle: in Friuli su 12mila elettori votano appena in 19

Beppe Grillo sull'Etna, comizio a 2000 metriLa democrazia dal basso fa anche questi scherzi. A Muggia, in Friuli, le primarie del M5S per la scelta del candidato sindaco sono state un flop. Su 12 mila elettori aventi in diritto hanno votato solo in 19, come ha raccontato stamattina il quotidiano Italia Oggi.

di Filippo Merli

“Dieci voti. E sei candidato sindaco. Accade alle primarie del Movimento 5 stelle di Muggia. Dove, su oltre 12mila cittadini aventi diritto al voto, si sono recati alle urne in 19. Alla fine, per una sola preferenza, Emanuele Romano è diventato l’aspirante sindaco della città friulana per i grillini. Il massimo col minimo. All’inizio, all’election day del M5s, i partecipanti alla corsa per la poltrona di Muggia erano tre: oltre a Romano, 45 anni, dipendente della regione Friuli Venezia Giulia, c’erano l’insegnante Erica Flego e il geometra Giacomo Cinquepalmi.

Quest’ultimo, però, s’è ritirato dalla competizione un paio di giorni prima «a causa di motivazioni personali e politiche». A contendersi la candidatura a sindaco per conto degli Amici di Beppe Grillo di Muggia, tra sabato e domenica, sono rimasti Romano e Flego, col primo che ha avuto la meglio sulla seconda per 10 voti a 9. Un’affluenza ai minimi storici. «Ci sono molte persone che condividono le nostre idee ma che preferiscono non farsi vedere, bisogna cambiare rotta», ha spiegato Romano al Piccolo subito dopo l’investitura.

«Sono felice per le preferenze e la fiducia ricevute», ha proseguito il candidato sindaco di Muggia, «ma anche perché lo scarto è stato solo di un voto: per me significa che è passato il messaggio che sono importanti le idee, non le persone». I voti, però, sono in tutto 19. Pochini. «Siamo riusciti a raggiungere cittadini esterni al gruppo.». «Abbiamo tanti simpatizzanti che però non vogliono apparire, né nei meet-up, né in piazza, ma ci contattano in maniera privata» ha aggiunto Romano. «A loro faccio l’appello a non avere paura. Stiamo per entrare nelle istituzioni, dobbiamo metterci la faccia».

Redazione

Redazione1905 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

3 Comments

  • Ferro Emilio Reply

    20 gennaio 2016 at 7:42 pm

    Tutto bene però Muggia non è in Friuli ma in Venezia Giulia, unica cittadina istriana ormai rimasta!

    • giuseppe Reply

      21 gennaio 2016 at 2:43 am

      vero, e quest’anno si festeggia la ricongiunzione della città di Gorizia all’Italia. Povera Istria.

  • giuseppe Reply

    20 gennaio 2016 at 8:02 pm

    Oramai molti hanno scoperto la truffa della Casaleggio & Sassoon, mondialisti immigrazionisti e filo islamici

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it