Germania, progettavano spedizioni punitive dopo gli stupri: indagati

estrema destra germaniaQuattro uomini vicini ad organizzazioni dell’estrema destra tedesca sono indagati con l’accusa di aver progettato dei raid punitivi in alcune moschee a seguito degli stupri di capodanno a Colonia. Ne ha parlato Mario Valenza su Il Giornale.

di Mario Valenza

La procura federale tedesca ha accusato tre uomini e una donna dell’estrema destra di aver formato un gruppo per pianificare attentati contro moschee e centri di accoglienza profughi.

Lo scrive Spiegel on line. Secondo gli inquirenti il gruppo “Oldschool Society” sarebbe nato su internet, divulgando odio attraverso chat e Facebook. Dall’inizio di maggio il gruppo avrebbe acquistato grandi quantità di materiale pirotecnico all’estero per produrre esplosivi.

Per rafforzare l’effetto degli ordigni artigianali, avrebbero voluto utilizzare anche chiodi e spirito. Secondo l’accusa, nel mirino c’erano predicatori salafiti, moschee e centri di accoglienza profughi. Indagati risultano quattro membri dell’associazione: Andreas H. 57 anni, Markus W. 40, Denise G. 23 anni, e Olaf O. 47 anni. Il processo a carico di questa cellula neonazi dovrà tenersi davanti alla Corte d’appello di Monaco. Intanto Il governo tedesco ha annunciato che inasprirà le leggi sull’espulsione dei rifugiati condannati per reati sessuali e altri gravi crimini e quelle per contrastare gli abusi sessuali. L’accordo arriva dopo le aggressioni nei confronti di donne avvenute durante la notte di Capodanno a Colonia. A dare l’annuncio sono stati i ministri dell’Interno, Thomas de Maizière della Cdu, e della Giustizia, il socialdemocratico Heiko Maas. La possibilità di espulsione è prevista per i reati sessuali, contro la vita, l’integrità fisica e la proprietà, ha detto de Maizière, in modo indipendente dalla pena che sarà inflitta nei singoli casi.

La decisione sull’espulsione sarà presa dopo che sarà stata pronunciata una sentenza definitiva e dopo la valutazione della situazione personale del rifugiati in Germania, considerando il loro grado di integrazione e l’eventuale recidività. In via generale, sarà possibile espellere qualunque richiedente asilo o rifugiato che sia stato condannato a una pena carceraria e in particolare se essa sarà maggiore di un anno e mezzo. Potranno perdere il diritto di asilo i richiedenti che siano condannati a oltre un anno di detenzione e che siano considerati un pericolo per la comunità. Il ministro dell’Interno ha anche annunciato nuove misure a tutela delle donne in relazione ai reati sessuali, a prescindere da chi sia l’aggressore. Saranno considerati come casi di particolare gravità quelli in cui l’assalitore approfitti di un momento di confusione o del fattore sorpresa, così come del panico della vittima.

Redazione

Redazione1909 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

1 Comment

  • Frank Reply

    14 gennaio 2016 at 11:35 am

    Detesto i nazi-skin, ma ecco la conferma di come la violenza generi violenza.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it