Gli stupri di Colonia? Colpa del profumo delle donne, parola dell’Imam

imam coloniaSami Abu-Yusuf, Imam della moschea di Colonia, ha una sua teoria sugli stupri di capodanno a Colonia: secondo il religioso islamico, la colpa degli stupri sarebbe delle donne, che col loro profumo e i loro vestiti si sarebbero rese disponibili. Ne ha parlato Giuseppe De Lorenzo su Il Giornale.

di Giuseppe De Lorenzo

A volte basterebbe mantenere la decenza del silenzio.

Invece l’imam della moschea di Colonia è voluto tornare sui fatti della notte di Capodanno, sugli stupri ai danni delle donne tedesche ad opera di centinaia di immigrati. La guida religiosa ha voluto dire la sua. Anzi, ha deciso di “difendere” i profughi stupratori. Secondo Sami Abu-Yusu, imam della moschea Al Tawheed, infatti, la colpa delle violenze non è da imputare agli islamici e immigrati, ma al profumo delle donne. Avete capito bene. Al loro profumo: in pratica se una donna europea decide di comprarsi un buon profumo e ha la “folle” idea di indossarlo, dovrà sapere che in questo modo istiga gli uomini a violentarla.

Al momento le denunce di moltestie sono salite a 521, tra cui si contano anche tre stupri. Ma la colpa, dice l’imam, non è di chi non rispetta le regole europee, di chi considera le donne poco più di un oggetto. Ma delle ragazze, accusate di vestire troppo all’occidentale e di essere troppo poco consone ai dettami dell’islam. “Gli eventi di Capodanno – ha detto l’imam in un’intervista rilasciata ad una tv russa e ripresa dal Daily Mail – sono colpa delle donne, perché erano seminude e indossavano il profumo”.

“Non mi stupisce che gli uomini le abbiano attaccate – aggiunge – Vestire così è come gettare benzina sul fuoco”.

La moschea salafita guidata da Sami Abu-Yusu è stata più volte messa sotto osservazione dalla polizia tedesca. Nel frattempo le forze dell’ordine di Berlino stanno indagando su 21 sospetti, di cui 8 agli arresti, accusati di furto e molestie nella notte di San Silvestro.

Redazione

Redazione1910 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

7 Comments

  • Giovanni Bravin Reply

    22 gennaio 2016 at 3:18 pm

    Secondo questo imam, dovremmo fare a meno anche della “Acqua di Colonia 4711”????
    Mi sembra così ovvio che siano gli ospiti (o immigrati) ad adeguarsi agli usi del padrone di casa che trovo solo un modo per interloquire:
    “Con gli str***i bisogna parlare di me**a per farsi capire!”.

  • 174VAM Reply

    22 gennaio 2016 at 3:34 pm

    il “sig.” Sami Abu-Yusuf sarà evidentemente abituato ad “interfacciarsi” solo con con le capre (loro malgrado);
    da ciò consegue il “turbamento”

  • Paolo Reply

    22 gennaio 2016 at 5:10 pm

    Come mi mancano i tempi delle Crociate… 🙁

    • giuseppe Reply

      23 gennaio 2016 at 3:32 am

      parole Sante, ma, basterebbe radunarli e rispedirli indietro

    • Giovanni Bravin Reply

      23 gennaio 2016 at 10:31 am

      Per Paolo. Quello che i libri non raccontano. I Crociati andavano in Terrasanta con addosso armature, che d’estate erano delle vere e proprie stufe ambulanti, a combattere contro Saraceni abbigliati in modo più consono alle temperature mediorientali. Tra i vari Crociati, c’erano i Templari, che avevano acquisito molte ricchezze. Il loro Ordine fu dissolto e le loro ricchezze vennero inglobate su ordine della Chiesa di Roma.

      • giuseppe Reply

        26 gennaio 2016 at 1:49 am

        ma furono una risposta anche all’avanzata islamica, che aveva distrutto due grandi Imperi.
        Anche se non tutte le Crociate, furono indirizzate alla difesa dei Luoghi Santi,…..

  • giuseppe Reply

    23 gennaio 2016 at 3:30 am

    Criminale islamico.
    se i maschi sono cosi’ numerosi significherà nella miglior ipotesi un crescente numero di #crimini, abuso di droga, spaccio di #droga , #rapine , bande fuorilegge.
    L’immigrazione clandestina favorita anche da #Soros e dalle sue false #ong come Human Rights Watch (HRW) , Open Society Foundations di George Soros e OSI Assistance Foundation (messe fuorilegge in Russia ).
    Thierry #Meyssan , presidente-fondatore della Rete Voltaire: sono “un obiettivo strategico degli Stati Uniti” ” l’Europa dissanguata da immigrati e crisi come Libia, Siria e Ucraina non porà far “altro che implorare l’aiuto di Washington (accettandone le condizioni a partire dal Ttip) e rinunciare per sempre – se non l’abbiamo già fatto – a politiche di alleanze più naturali e diversificate. In altre parole, alla sovranità.”
    Lo ripeterò fino alla nausea: gli immigrati clandestini sono invasori favoriti da qualche criminale!!!
    Perfino il politologo Giovanni #Sartori (di sinistra), sostiene che non è una questione di destra o sinistra, ma soltanto di buon senso: «è un’illusione quella di poter integrare pacificamente un’ampia comunità musulmana, fedele a un monoteismo teocratico che non accetta di distinguere il potere politico da quello religioso, con la società occidentale democratica».

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it