I bimbi cresciuti in coppie gay sono svantaggiati? La scienza si divide

adozioni-gay2Se fino ad ora era passata la sola idea che non ci fosse alcun problema se un bambino crescesse in una coppia gay, adesso qualche tesi scientifica che supporta il contrario inizia ad emergere. Ne ha parlato Agnese Ananasso su Repubblica.

di Agnese Ananasso

Una presa di posizione che rischia di condizionare il dibattito intorno alla legge Cirinnà. “Vivere in una famiglia senza la figura materna o paterna potrebbe danneggiare il bambino”. Ad affermarlo è il presidente della Società italiana di pediatria Giovanni Corsello. “La discussione sulle unioni civili e la stepchild adoption dovrebbe comprendere anche i profili clinici e psicologici del bambino e dell’adolescente. Non si può infatti escludere che convivere con due genitori dello stesso sesso abbia ricadute negative sui processi di sviluppo psichico e relazionale nell’età evolutiva”.

“La maturazione psicologica di un bambino – spiega Corsello – si svolge lungo un percorso correlato con la qualità dei legami affettivi all’interno della famiglia e con i coetanei. La qualità delle relazioni umane e interpersonali, nonché il livello di stabilità emotiva e la sicurezza sociale di un bambino, sono conseguenze di una maturazione psicoaffettiva armonica. Studi e ricerche cliniche hanno messo in evidenza che questi processi possono rivelarsi incerti e indeboliti da una convivenza all’interno di una famiglia conflittuale, ma anche da una famiglia in cui il nucleo genitoriale non ha il padre e la madre come modelli di riferimento”, aggiunge il presidente Sip. “Quando si fanno scelte su temi di così grande rilievo sociale, che incidono sui diritti dei bambini a crescere in sistemi protetti e sicuri, non possono essere considerati solo i diritti della coppia o dei partner, ma va valutato l’interesse superiore del bambino”.

Raggiunto al telefono da Repubblica Corsello si è spiegato: “Il mio voleva essere un contributo positivo al dibattitto, non una presa di posizione pro o contro la stepchild adoption. Era solo per dire che la priorità è la salute psicologica del bambino e la legge deve considerare prima di tutto questo. Non è la stessa cosa avere due genitori eterosessuali o omosessuali e questa diversità il bambino la percepisce, o meglio la potrebbe percepire, quando si relaziona coi suoi coetanei. Questa diversità potrebbe generare una conflituualità nel bambino e avere ricadute negative nel suo sviluppo. È questo l’aspetto a cui mi riferisco quando parlo di ricerche e studi: come l’equilibrio della famiglia e la percezione che il bambino ne ha all’esterno, quando si relaziona coi coetanei, influenza la sua crescita psicologica. Ci tengo però a chiarire che non è sempre così, non è una posizione ideologica. È una sollecitazione a chi fa le leggi a tenere conto di ogni singola situazione”.

Di opinione diametralmente opposta è Claudio Mencacci, presidente della Società italiana di psichiatria, che sottolinea come ci siano studi e ricerche che affermano esattamente il contrario: “Su questo tema si stanno ancora raccogliendo dati ed è quantomeno prematuro esprimere opinioni scientifiche su situazioni sociali molto recenti. Ciò che conta è valutare la capacità affettiva dei genitori, la capacità di accogliere e seguire la crescita dei bambini, creando un ambiente sicuro, sereno e protettivo. E questo non dipende certo dal ‘genere’ dei genitori. Mentre è dimostrato – questo invece è sicuro – che nelle famiglie ‘etero’ possono prodursi danni nella psiche dei bambini quando il rapporto tra i genitori è in crisi”. Mencacci evidenzia inoltre che spesso sono proprio le basi su cui viene elaborata una ricerca a non essere: “Quasi tutti gli studi prodotti finora partono con un gap: vogliono dimostrare la validità di una testi piuttosto che di un’altra. E quindi non sono affidabili”.

Dello stesso parere la senatrice a vita e accademica Elena Cattaneo: “Numerosi studi scientifici affermano il contrario di quanto affermato da Corselli. Come quello dell’American Academy of Pediatrics del 2006, secondo cui i bambini cresciuti da genitori dello stesso sesso si sviluppano come quelli cresciuti da genitori eterosessuali. Affermazione fondata a seguito delle osservazioni condotte direttamente su un campione di famiglie omogenitoriali. Infine, relativamente alle preoccupazioni del dottor Corsello sulla necessità di valutare caso per caso le condizioni di adottabilità del minore, ricordo che l’articolo 5 del disegno di legge Cirinnà non fa altro che estendere la possibilità di adozione coparentale disciplinata dalla legge 184 del 1983 al genitore sociale. Legge che prevede già il passaggio dal Tribunale dei minori che vaglia la sussistenza dei legami affettivi necessari per procedere all’adozione da parte del partner, sempre e comunque nell’interesse predominante del minore”.

L’associazione Famiglie Arcobaleno ricorda quanto detto due anni fa dal presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine degli psicologici, Fulvio Giardina: “Non è certamente la doppia genitorialità a garantire uno sviluppo equilibrato e sereno dei bambini, ma la qualità delle relazioni affettive. Da tempo infatti la letteratura scientifica e le ricerche in quest’ambito sono concordi nell’affermare che il sano e armonioso sviluppo dei bambini e delle bambine, all’interno delle famiglie omogenitoriali, non risulta in alcun modo pregiudicato o compromesso. La valutazione delle capacità genitoriali stesse sono determinate senza pregiudizi rispetto all’orientamento sessuale e affettivo. Bisogna garantire la tutela dei diritti delle famiglie omogenitoriali al pari di quelle etero senza discriminazioni e condizionamenti ideologici”.

Redazione

Redazione1910 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

1 Comment

  • monica cappellini Reply

    4 febbraio 2016 at 1:53 pm

    Che bisogno c’è’ per coppie omosex di aver figli o di adottarne? li adottino a distanza nelle loro vere famiglie
    PUNTO FINE ; la societa’ è sufficentemente decente , scarsa, impreparata per tutto e da tutti i sigg in carica a destra e a sinistra che si pappano stipendi da sballo.
    I soldi non fanno educazione e crescita di una persona a titolo ETICO , percio’ sono contraria a tutto questo ciarpame

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it