Il Cardinale rivela: “La lobby gay esiste davvero, lo ha detto il Papa”

cardinale maradiagaProprio nei giorni in cui in Parlamento sta per terminare il dibattimento sul ddl Cirinnà e dopo le timide aperture alle unioni civili di Monsignor Galantino, segretario generale della CEI, dal Messico arriva una rivelazione: a farla è il cardinale Oscar Rodríguez Maradiaga. Il Cardinale e attuale arcivescovo di Tegucigalpa ha dichiarato al quotidiano messicano El Heraldo che la lobby gay vaticana esiste sul serio e che glielo avrebbe rivelato niente di meno che il Papa in persona, quando era ancora arcivescovo di Buenos Aires. Lo ha riportato Matteo Matzuzzi su Il Foglio.

di Matteo Matzuzzi

Il cardinale Oscar Rodríguez Maradiaga, coordinatore del C9 (la commissione cardinalizia che consiglia il Papa e studia la riforma della curia romana) ha ribadito che “in Vaticano c’è una lobby gay” ben operativa e che Francesco sta affrontando il problema: “Poco a poco, il Pontefice sta tentando di purificarla”. Maradiaga, arcivescovo di Tegucigalpa, ha risposto a una precisa domanda del quotidiano locale El Heraldo, in cui gli veniva chiesto se “in qualche momento ci sia stato il tentativo o se si sia effettivamente concretizzata una infiltrazione della comunità gay in Vaticano”. Il porporato è stato chiaro: “Non solo questo, anche il Papa l’ha detto: c’è stata anche una lobby in questo senso”.

Il riferimento è a quanto Bergoglio disse, pochi mesi dopo l’elezione, ricevendo in udienza privata i rappresentati della Confederazione latinoamericana e dei Caraibi dei religiosi e delle religiose (Clar), il 6 giugno 2013: “In Vaticano – secondo quanto riportò un quotidiano cileno – c’è una potente lobby gay”. Successivamente, conversando con i giornalisti a bordo dell’aereo che lo riportava in Italia dal Brasile, dove si era recato per la Giornata mondiale della Gioventù, era tornato sul tema: “Si scrive tanto della lobby gay. Io finora non ho trovato in Vaticano chi ha scritto ‘gay’ sulla carta d’identità. Bisogna distinguere tra l’essere gay, avere questa tendenza e fare lobby”. Il problema – chiosava Francesco – “non è avere questa tendenza, il problema è fare lobby e questo vale per questo come per le lobby d’avari, le lobby politiche, le lobby massoniche”.

In quell’occasione, il Papa aveva pronunciato una delle frasi “simbolo” di questa prima parte di pontificato: “Se una persona è gay e cerca il Signore con buona volontà, chi sono io per giudicarlo?”. Il cardinale Maradiaga ha aggiunto che “ciò che è sbagliato non può essere la verità” e, ad ogni modo, “esiste una legislazione pastorale per rispondere” a questi problemi.

Redazione

Redazione1901 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it