Il Csm riapre l’istruttoria sul pm che archiviò Boschi senior

Di Redazione, il - # - 1 commento

pier-luigi-boschi-620x372Il Csm ha deciso di riaprire l’istruttoria a carico del pm Roberto Rossi, attualmente titolare dell’inchiesta su Banca Etruria, che sempre per vicende inerenti alla banca aveva archiviato in passato dei casi riguardanti Pierluigi Boschi, padre del Ministro delle Riforme. Ne ha parlato Panorama, la cui inchiesta è stata decisiva per spingere il Csm a riaprire l’istruttoria.

Giornata nera per il procuratore di Arezzo Roberto Rossi, titolare delle inchieste su Banca Etruria. Il comportamento del pm è finito al vaglio del Procuratore generale della Cassazione Pasquale Ciccolo, titolare dell’azione disciplinare nei confronti dei magistrati. E la Prima Commissione del Csm ha riaperto l’istruttoria sul suo conto.

A mettere nei guai il procuratore, le indagini svolte negli anni passati su Pierluigi Boschi, padre del ministro per le Riforme Maria Elena ed ex vice presidente di Banca Etruria. Procedimenti conclusi con due richieste di archiviazione ma di cui il pm non aveva fatto cenno nelle sue audizioni davanti ai consiglieri del Csm, ai quali aveva invece assicurato di non conoscere “nessuno della famiglia Boschi”.

Poi è arrivato il servizio di copertina del nostro giornale, in edicola da oggi, in cui si racconta delle indagini di Rossi su Pierluigi Boschi per turbativa d’asta e estorsione, andate avanti dal 2007 sino al 2014 e che sarebbero state legate alla compravendita di una grande tenuta agricola dell’Università di Firenze.

Venuto a conoscenza del nostro servizio, Rossi ha pensato di giocare d’anticipo inviando una lettera al Csm in cui ha scritto di essersi occupato in passato di procedimenti riguardanti Pierluigi Boschi, padre del ministro per le Riforme Maria Elena ed ex vice presidente di Banca Etruria, ma ha confermato di non aver mai avuto occasione di incontrarlo.

Nella sua lettera Rossi parlerebbe di più procedimenti, sui quali ora la Commissione (che solo due giorni fa aveva deciso di archiviare il fascicolo che lo riguarda) intende fare approfondimenti, accogliendo all’unanimità la richiesta del laico di Forza Italia Pierantonio Zanettin: verificare quali vicende hanno riguardato e che esito hanno avuto. Il primo passo sarà a richiesta di informazioni e della documentazione relativa al Procuratore generale di Firenze, l’organo di vertice del distretto.

“Ascoltare di nuovo il procuratore Rossi? Per ora no: lo abbiamo sentito due volte e abbiamo ricevuto da lui tre comunicazioni scritte”. Lo dice il presidente della Prima Commissione del Csm Renato Balduzzi, che spiega come la lettera fatta recapitare a Palazzo dei Marescialli, in cui Rossi parla di precedenti procedimenti penali riguardanti Pierluigi Boschi dei quali aveva avuto occasione di occuparsi sia il “fatto nuovo”, che ha spinto oggi la Commissione a “sospendere la delibera di archiviazione e a procedere ad ulteriori approfondimenti istruttori”.

“Dobbiamo conoscere quali sono queste vicende e quale esito hanno avuto” dice Balduzzi, precisando che nella lettera il procuratore fornisce anche chiarimenti sul “disallineamento” tra quanto sta emergendo e le sue dichiarazioni nell’audizione di dicembre davanti al Csm. L’ottica dell’intervento della Commissione non cambia: “garantire la massima serenità alla procura di Arezzo”.

Riproduzione riservata - ©2016 Qelsi Quotidiano
  • Federico

    Ebbasta girarci intorno!
    Gli inciuci tra i Renzi e i Boschi e figli dei Renzi e i figli dei Boschi sono più sicuri della morte.
    L’unica che è fuori da questi intrallazzi è la moglie di Renzi.




Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti: