Il sindaco Pd di Bergamo:”Permesso di soggiorno a tutti gli immigrati che arrivano in Italia”

Giorgio-GoriUna carta di soggiorno della durata di un anno a tutti gli immigrati che arrivnao nel nostro paese. Ieri una frase del sindaco di Bergamo Giorgio Gori, pronunciata in Prefettura durante l’audizione della Commissione d’inchiesta sull’accoglienza dei migranti, ha suscitato le proteste della Lega Nord. Gori, infatti, ha chiesto al governo di concedere indistintamente a tutti la carta di soggiorno per un anno, qualora la politica dei rimpatri veloci non fosse possibile.

Gori ha chiesto che il Governo si attivi per realizzare rimpatri assistiti dei migranti ai quali non viene riconosciuta la protezione internazionale. “Il Governo – ha affermato – si adoperi per una più effettiva applicazione della norma che prevede i rimpatri degli immigrati che sono visti definitivamente negata la protezione internazionale. Vanno siglati gli accordi bilaterali e vanno effettuati i rimpatri assistiti. Oppure, se si ritiene che questo non sia fattibile, si prenda in considerazione, come già in passato, la possibilità di riconoscere una forma di protezione provvisoria (per esempio, un permesso di soggiorno della durata di un anno) a tutti i richiedenti asilo, sottraendoli all’illegalità e dando loro la possibilità di cercarsi un lavoro o di muoversi liberamente in Europa”

I parlamentari bergamaschi del Pd presenti, Elena Carnevali e Beppe Guerini, hanno tentato di smorzare la questione, sostenendo che Gori non ha parlato di vera e propria carta di soggiorno, ma ha auspicato un provvedimento che possa regolarizzare un po’ la situazione e ridurre la criminalità.

Redazione

Redazione1910 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

5 Comments

  • Giovanni Bravin Reply

    30 gennaio 2016 at 1:18 pm

    Tranquilli! Durante il proprio mandato, pagherà tutto, di tasca sua, Giorgio Gori, poi ci penserà la moglie Cristina Parodi!

  • Paolo Reply

    30 gennaio 2016 at 2:00 pm

    Non sarà un pezzo di carta a risolvere i problemi di illegalità e ridurre la criminalità.

    Ma questo… “signore”, in che mondo vive? In quello di Peppa Pig?

  • giuseppe Reply

    31 gennaio 2016 at 1:21 am

    Siamo alla folliaaaaa!
    Qualcuno faccia qualcosa, fatelo dimettere prima che faccia altri danni. Ci vuole islamizzare!

  • Giusy Reply

    31 gennaio 2016 at 9:14 am

    Quando avrà la casa svaligiata la figlia o la nipote o la moglie o la madre molestato se non peggio ..
    Quando verrà scippato allora si che sarà felice!
    Questo pirla non si rende conto che se l’accoglienza che fanno non è affatto utile li sbattono in mezzo alla strada
    Alla disperazione e fanno disperare il popolo che se ne fa carico..
    Pirla

    • Paolo Reply

      4 febbraio 2016 at 10:33 pm

      Non creda, sa?

      Direbbe che è comunque colpa dell’ Occidente…

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it