Immigrati devastano il porto di Calais e occupano i traghetti

calais porto immigrati rivoltaFine settimana di caos a Calais, nel nord della Francia: in duemila tra residenti ed immigrati hanno gettato nel caos il porto della città, occupando anche alcuni traghetti in partenza verso l’Inghilterra. Il motivo della protesta è il blocco dei visti di ingresso da parte della Gran Bretagna. Ne ha parlato Ivan Francese su Il Giornale.

di Ivan Francese

È tornata altissima la tensione a Calais, sullla sponda francese della Manica, tra migranti, residenti e polizia.

Due giorni fa gli abitanti della “Jungle” hanno dato vita a una manifestazione di protesta per il blocco degli ingressi nel Regno Unito, dove la stragrande maggioranza dei richiedenti asilo vuole emigrare.

Blocco che si protrae ormai da più di un anno, grazie alle leggi internazionali che escludono la Gran Bretagna dall’accordo di Schengen. I migranti da mesi ingrossano le file di chi vive nella giungla, l’enorme bidonville a cielo aperto che giorno dopo giorno continua a crescere a ridosso del porto di Calais.

Esasperati per le condizioni di vita insopportabili dello slum, gli immigrati hanno dato vita a una manifestazione che sabato scorso ha portato in piazza più di duemila persone – in un centro abitato che conta meno di ottantamila persone. In segno di solidarietà insieme ai migranti hanno sfilato molti attivisti e membri dei centri sociali e antagonisti.

La dimostrazione, sorvegliata a vista da un ingente dispiegamento di forze dell’ordine, è però presto degenerata. Alcuni migranti, che sfilavano scandendo lo slogan “Uk” (“Regno Unito”, ndr), hanno dato l’assalto alla casa di un abitante di Calais che protestava contro la loro sfilata. L’uomo e la sua famiglia sono stati colpiti da un lancio di oggetti, quando dalla casa è spuntata addirittura una carabina, che per fortuna è stata poi riposta senza che si registrassero incidenti maggiori.

Non si può dire altrettanto, invece, delle proteste che sono andate in scena nella zona del porto, dove circa centocinquanta migranti sono riusciti a sfondare le barriere metalliche poste a protezione dei moli e sono saliti su un traghetto, occupandolo simbolicamente per rivendicare il diritto ad emigrare senza problemi oltre la Manica. La polizia francese è riuscita a sgomberare la zona del porto, racconta Le Monde, solo dopo circa tre ore di occupazione.

Tra i manifestanti ci sarebbero anche alcuni italiani, giunti da Parigi appositamente. Secondo la prefettura di Passo di Calais, ventiquattro migranti e undici membri del collettivo No Borders sono stati interrogati sui fatti del porto, mentre sei migranti e due antagonisti compariranno davanti al giudice oggi stesso. L’accusa è quella di “infrazione al codice del trasporto”, per cui rischiano un’ammenda di 3750 euro e sei mesi di carcere.

Secondo alcuni siti antagonisti, tra i fermati ci sarebbero anche tre giovani italiane. Nella giornata di domenica, nel frattempo, oltre duemila persone hanno sfilato per chiedere una soluzione per Calais e per lamentare le gravi ricadute economiche che la situazione attuale sta provocando sulla città.

Redazione

Redazione1899 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it