India: nel 2015 oltre duecento violenze contro i cristiani

cristiani indiaL’India non è un paese facile se si è cristiani: nel 2015 si sono registrati oltre duecento casi di violenza nei loro confronti. I tempi di Madre Teresa osannata da tutta l’India sembrano lontani, e anche le istituzioni non guardano di buon occhio i missionari che in India operano: ne ha parlato Avvenire.

Nel 2015 sono stati censiti oltre 200 incidenti verificati di violenza anticristiana. Sette pastori protestanti e un laico sono stati uccisi, mentre le vittime della violenza nel complesso sono circa 8mila, incluse donne e bambini. Numerose chiese sono state devastate.
Sono i dati diffusi dal rapporto “India Christian Persecution”, edito dal “Catholic Secolar Forum” (CSF), organizzazione della società civile indiana, e pervenuto all’Agenzia Fides.

Secondo il rapporto, che analizza la violenza anticristiana in India avvenuta nel 2015, gli autori della violenza sono gruppi e formazioni estremiste e fanatiche induiste, che promuovono l’ideologia dell’Hindutva (“induità”), che vorrebbe eliminare dall’India i credenti delle religioni non indù. Tali gruppi sono ostili alle minoranze religiose musulmane e cristiane e diffondono una campagna di odio e di diffamazione che poi genera atti concreti di violenza.

Secondo il rapporto, lo stato di Maharashtra è quello in cui l’ideologia è maggiormente diffusa, mentre il Madhya Pradesh è in cima alla lista per numero di episodi di violenza anticristiana. Seguono Tamil Nadu, Jharkhand, Chhattisgarh, Haryana, Odisha, Rajasthan, in un elenco che comprende 23 stati dell’Unione indiana. Il rapporto nota che una della accuse principali ai cristiani è quella di conversioni forzate e con mezzi fraudolenti. Per questo il governo del Madhya Pradesh, ha modificato la cosiddetta “legge anti-conversione”, inasprendo le pene.

Il laico cattolico Joseph Dias, responsabile del CSF, nota che “la conversione forzata non è in alcun modo parte dell’orizzonte della fede cristiana: si tratta solo di lasciare libertà di coscienza e di religione, previste dalla Costituzione”. Sono invece cresciute le cosiddette “cerimonie di riconversione”, organizzate dai gruppi estremisti indù in numerosi stati indiani, in cui dalit e tribali cristiani vengono riportati in massa all’induismo.

Tra i gruppi fautori delle violenze, si è consolidato nel 2015 il Rashtriya Swayamsevak Sangh (RSS), che ha “rafforzato la sua presa sul sistema politico del paese”, nota il testo, che oggi conta oltre 15 milioni di militanti sparsi in oltre 50mila cellule locali, e conta membri anche nella polizia, nella magistratura, nella amministrazione statale.

Infine si nota che anche a livello istituzionale, l’India non rinnova il visto di permanenza nel paese a missionari, religiosi e religiose che operano stabilmente accanto ai poveri e agli emarginati.

Redazione

Redazione1905 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

1 Comment

  • Carlo Lauletta Reply

    20 gennaio 2016 at 5:30 pm

    L’articolo non mi trova d’accordo. Invero, da un lato gli induisti non cercano di convertire cristiani o musulmani, la cosa essendo
    concettualmente impossibile perché si è induisti solo per nascita; dall’altro, cristiani e musulmani riguardano la propaganda presso.
    gli induisti addirittura come un dovere religioso. Questa la situazione di partenza, che definirei sbilanciata. Ma la cosa grave è che
    l’opera di proselitismo da parte di cristiani (o musulmani) non viene svolta come noi pensiamo dovrebbe avvenire: ossia accostando
    persone di ideologia diversa dalla nostra e cercando di dimostrare, attraverso un dialogo pacato e razionale, che la nostra
    posizione è vera e giusta e la loro è infondata e falsa. No davvero. Persuadere un intellettuale induista che nel Vecchio e
    Nuovo Testamento o nel Corano si trova la verità è impensabile. Si può concedere che i missionarî cristiani oggi si astengano
    da metodi violenti, ma che cosa faranno? È facile immaginarlo. Ben forniti di mezzi materiali, vanno dunque in India; ivi avvicinano
    persone del più basso livello culturale ed economico; presentano questo Gesù Cristo, che sarà riguardato come una divinità da
    aggiungersi al pantheon indù; diranno che lui non parlò mai di caste; che se si diventa suoi seguaci ci si eleva economicamente;
    aprono i proprî portafoglî rigonfî. . .ed ecco la “conversione”. Davanti a tutto questo, si può ben capire che gli induisti si scoccino.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it