La carta di identità elettronica costerà cinque volte quella normale

carta d'identità elettronicaÉ tutto pronto per l’introduzione della nuova carta d’identità elettronica: a marzo sarà introdotta in 153 comuni, dopo anni di sperimentazione. Il costo sarà però alto: il suo rilascio costerà ai cittadini circa 25 euro, ovvero 5 volte quello che costa oggi. Ne ha parlato Claudio Cartaldo su Il Giornale.

di Claudio Cartaldo

Sono 153 i comuni che, finalmente, forniranno ai cittadini la carta d’identità elettronica.

Una lunga lista di città che si metteranno al passo con i tempi, dopo che per anni la carta elettronica è stata sperimentata ma mai resa una realtà uniforme nel Paese.

La prima legge a parlare di questa tessera è la Bassanini del 1997. Dopo tanti, troppi anni, ma i costi per i comuni erano troppo alti e gli amministratori hanno sempre preferito tornare alle “vecchie” versioni cartacee. Ora, però, non potranno sottrarsi. Le carte elettroniche conterranno tutte le informazioni della persona: impronte digitali, codice fiscale, la data di nascita, contatti mail e di telefono, insieme a varie misure anticontraffazione.

Ma la vera “sorpresa” per i cittadini è un’altra. I costi di erogazione delle carte di identità elettroniche, infatti, ricadranno anche sui cittadini. Un salasso. La tessera, infatti, costerà 5 volte più della versione cartacea: 25,42 euro contro 5,42 euro.

Quando si andrà all’ufficio anagrafe, la foto verrà realizzata con uno speciale sistema di fotocamera, la impronta digitale sarà registrata con uno scanner e tutte le informazioni finiranno nella tessera, insieme ad una firma elettronica. La tessera, però, ci mettà qualche tempo per arrivare, visto che la stampa è affidata alla Zecca dello Stato. Entro sei giorni lavorativi l’utente riceverà anche un Pin e un Puk per i servizi online. Non è necessario farla subito, ma si potrà aspettare la scadenza della propria versione cartacea.

Redazione

Redazione1910 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it