La CGIL vuole bloccare i licenziamenti dei fannulloni

Cgil camussoLa Cgil in una conferenza stampa ha annunciato che si opporrà alle norme che vuole introdurre il Governo al fine di poter licenziare i fannulloni della Pubblica Amministrazione. Lo ha riportato Gabriele Bertocchi su Il Giornale.

di Gabriele Bertocchi

Tra bandiere rosse e la musica di Caparezza, alla stazione Termini a Roma, è iniziata la conferenza stampa del segretario generale della Cgil Susanna Camusso sulla Carta dei diritti universale del lavoro.

“Qui si incrociano le diverse tipologie di lavoro”, spiegano i sindacalisti. “Termini è il crocevia di tutti coloro che vanno al lavoro, con tutte le loro difficoltà e peculiarita”, aggiunge la segretaria generale della Cgil, Susanna Camusso . “Noi parliamo all’insieme del mondo del lavoro, siano essi lavoratori a tempo determinato, indeterminato, parasubordinato, o alle nuove invenzioni che sono arrivate, come il lavoro con i voucher, così come al mondo autonomo”.

Presentando la “Carta dei diritti universale del lavoro” ha voluto spiegare che: “Tutta la prima parte della Carta definisce quali sono i diritti del lavoro, che non vuol dire che sono tutti esercitati allo stesso modo, c’è un diritto al riposo, c’è un diritto per le lavoratrici a essere madri, c’è diritto a sapere quali sono le condizioni di lavoro, c’è la libertà di espressione, c’è il diritto a lavorare in condizioni sicure”. Il segretario generale della Cgil ha detto che “la vita lavorativa dovrebbe avere un tempo: ecco quindi il diritto quindi alla tutela pensionistica”.

In piazza dei Cinquecento, davanti alla stazione di Roma Termini, campeggia inoltre un bus della Cgil con scritto “Carta dei diritti universale del lavoro”. Il segretario generale della Cgil Susanna Camusso, che ha presentato la Carta, ha spiegato che con questo pullman il sindacato vuole “dare il via ad una campagna straordinaria di consultazione delle iscritte e degli iscritti della Cgil”, che finora le aveva fatte “su singole piattaforme, non sull’impianto strategico generale”.

La Camusso ha anche spiegato che “non ci stiamo preparando a referendum abrogativo generale del Jobs Act. Non è questo l’obiettivo”. Ha precisato però che il sindacato è pronto a “singoli punti di richiesta di abrogazione”, che verranno però discussi all’interno della Cgil, nel quadro di una “ridefinizione generale dei diritti dei lavoratori”. Durante la presentazione della Carta dei diritti ha detto anche: “Abbiamo già visto molti titoli coniati sulla polemica del giorno prima. E noi non vogliamo una discussione impostata sulla contrapposizione tra JobsAct e Carta dei diritti universale del lavoro”. Puntalizza che “non vogliamo essere schiacciati sulle polemiche dell’ultimo periodo”.

No risparmia un attacco contro il governo: “Le regole per licenziare i cosiddetti fannulloni ‘ci sono già: mi piacerebbe che il governo dicesse perché non funzionano'”. Ha aggiunto Camusso, “sennò è una campagna, si chiama propaganda”. Il segretario generale della Cgil vede il rischio di “inventare una campagna che fa sembrare che i 3 milioni di lavoratori del pubblico impiego siano tutti nulla facenti, dei truffatori dello Stato: così si fa del male”. Un giornalista ha chiesto se i fannulloni vanno puniti. “Lo abbiamo detto in tutte le salse – ha sottolineato lei – lo abbiamo detto per Roma la prima volta, lo abbiamo detto per San Remo, lo abbiamo detto ancora per Roma”, riferendosi ai vari casi fatti emergere negli ultimi mesi dalla stampa. Coclude dicendo: “Così come ho detto con altrettanta nettezza che se un Comune il 50% delle persone non va a lavorare, è un problema in più”.

Redazione

Redazione1909 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

2 Comments

  • sergio41 Reply

    19 gennaio 2016 at 10:20 pm

    Da ex piccolo imprenditore che orgogliosamente ancora può vantare l’affetto di moltissimi suoi ex dipendenti, sono molto d’accordo con la “Carta dei diritti universali del lavoro” mentre sono “ostile” alla Camusso in riferimento alle sue critiche per le norme che vuole introdurre il governo per facilitare i licenziamenti dei molti fannulloni che occupano sedie immeritate e che sempre approfittano di chi lavora per davvero.
    Sono dell’ opinione che negli ottanta la giusta protezione dei lavoratori ha forse esagerato, favorendo molto spesso anche dei scansafatiche diventati intoccabili.

  • max Reply

    24 gennaio 2016 at 2:59 am

    Da MAI SINDACALISTA ad INDIGNATO esseri così ignobili come che facciano una richiesta così ignobile non dovrebbero avere diritto di utilizzare nessun mezzo di opposizione….Poüvra Italia.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it