La Corte Costituzionale dichiara ammissibile il referendum sulle trivellazioni

trivellaLa Corte Costituzionale ha dichiarato ammissibile il referendum richiesto da nove consigli regionali al fine di bloccare le esplorazioni e le trivellazioni dei giacimenti di gas e petrolio nel mar Adriatico e nell’entroterra. Ne ha parlato in questo articolo Il Foglio.

Il referendum sulle trivelle si farà. La Corte Costituzionale ha infatti dichiarato ammissibile, come aveva già sentenziato la Cassazione, una consultazione referendaria sulla durata delle autorizzazioni già rilasciate per le esplorazioni e le trivellazioni dei giacimenti di gas naturale e di petrolio nel mar Adriatico e nell’entroterra italiano. Il referendum era stato chiesto da nove consigli regionali (Basilicata, Marche, Puglia, Sardegna, Veneto, Calabria, Liguria, Campania e Molise) e si dovrebbe tenere tra il 15 aprile e il 15 giugno.

Con la sentenza della Corte Costituzionale spetterà agli italiani decidere se le trivellazioni proseguiranno per tutta la durata vitale dei giacimenti, oppure verranno subito sospese.

Degli iniziali sei punti del referendum solo quest’ultimo (il sesto del testo originario) è stato ritenuto ammissibile dalla Corte (che inizialmente li aveva accolti tutti), dopo che il governo aveva introdotto una serie di norme nella legge di Stabilità che hanno rimesso mano alla materia, ribadendo il divieto di trivellazioni entro le 12 miglia di mare.

“Il presidente Renzi dev’essere contento perché quando il popolo irrompe sulla scena della democrazia, chi è iscritto al Partito democratico dev’essere contento per definizione”, ha detto il sindaco di Bari Michele Emiliano, aggiungendo che “la campagna referendaria contro le trivelle, comincia subito”.

Redazione

Redazione1901 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

1 Comment

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it