La Germania mette una taglia sugli stupratori: 10mila euro a chi ne segnala uno

colonia2-kbV-U43140741506299lpE-656x492@Corriere-Web-SezioniLa polizia tedesca ancora brancola nel buio: dei circa mille che la notte di capodanno hanno molestato e stuprato tutte le donne che capitavano loro a turo, la polizia per ora ne ha fermati sì e no una ventina. Per cercare quindi di ottenere informazioni utili, è stata promessa una ricompensa a chi segnalerà e contribuirà alla cattura di degli stupratori. Ne ha parlato Sergio Rame su Il Giornale.

di Sergio Rame

La Germania non riesce a trovare i colpevoli delle barbare violenze di Capodanno. E centinaia di vittime rischiano di non ottenere giustizia. Mentre a Colonia continuano le indagini è stata annunciata una ricompensa da 10mila euro a chiunque segnali e porti, quindi, alla cattura di uno degli immigrati che, nella notte di San Silvestro, hanno molestato e derubato centinaia di donne.

Un gruppo di agenti della polizia di Colonia è stato accusato di non essere riuscito a svolgere il loro dovere e proteggere le donne che sono state aggredite da un folto gruppo di uomini nel centro di Colonia, la notte di Capodanno. E, mentre il pubblico ministero del Nord Reno-Westfalia sta verificando se ci sono prove sufficienti per procedere con l’accusa di omissione di soccorso, continuano le indagini per sbattere in galera e, laddove possibile, rimpatriare gli immigrati che, la notte di Capodanno, si sono macchiati di violenze sessuali, molestie e rapine ai danne di centinaia di donne. Ma le indagini arrancano e gli inquirenti fanno fatica a mettere le mani sugli autori dello stupro di massa. Per questo il presidente del Land Nordreno-Vestfalia, Hannelore Kraft (Spd), ha aumentato fino a 10mila euro la ricompensa per chi fornirà agli investigatori indizi utili a rintracciare gli autori delle violenze di Capodanno.

Durante l’intervento alla seduta straordinaria del consiglio regionale a Duesseldorf, la Kraft si è personalmente scusata con le donne, ammettendo che a Colonia allo Stato è sfuggita per un momento la situazione di mano, e ha promesso un chiarimento senza lacune di quanto accaduto. “Lo dobbiamo alle vittime”, ha detto. Tra le altre misure annunciate dal presidente del Land Nordreno-Vestfalia, l’aumento di 500 unità delle forze di polizia e la dislocazione dei nuovi assunti in aree sensibili della città e il potenziamento del sistema di videosorveglianza pubblica. La Kraft è stata a lungo considerata una delle possibili sfidanti di Angela Merkel alla cancelleria, grazie anche alla popolarità di cui gode fra i militanti dell’Spd. Nonostante abbia sempre respinto le lusinghe, dichiarando di non volersi trasferire a Berlino e di voler restare nella politica regionale, il suo nome riemerge di tanto in tanto. Anche per questo, la vicenda di Colonia assume un valore politico nazionale, nella contrapposizione fra i due partiti alleati della Grande Coalizione, la Cdu e l’Spd.

Redazione

Redazione1899 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it