La maggioranza della classe è islamica e la maestra cambia Dio con Allah

canzone dio cambiato con allah austriaLa classe è composta da bambini in maggioranza di fede islamica e la maestra, per adeguarsi, ha pensato bene di sostituire in un canto popolare la parola “Dio” con “Allah”. É accaduto in una cittadina austriaca. I dettagli sono di Claudio Cartaldo su Il Giornale.

di Claudio Cartaldo

Niente più “Dio”, infastidisce gli islamici. È successo a Wels, una città austriaca.

L’insegnante di una scuola, che vede una altissima presenza musulmana, ha modificato una canzone popolare cristiana, rendendola “islamica”. Ha sfrattato “Dio”, sostituendolo con “Allah”.

Una madre è rimasta sotto choc quando ha visto tornare la sua bambina con il sonetto che intonava ad Allah invece che al Dio cristiano. Non ci voleva credere. Così è andata a chiedere spiegazione alla dirigenza scolastica.

L’insegnante ha spiegato che la versione “alternativa” della canzone è stata realizzata solo per i bambini musulmani. Visto che la sua classe è in prevalenza di fede islamica. Ma questo non ha fermato le proteste dei cittadini. La canzone che s’intotla “L’amore di Dio è così meraviglioso” è estremamente popolare tra i bambini cristiani austriaci. Ma la maestra, per avvalorare il politicamente corretto, ha deciso di modificarla. Solo che la canzone “islamica” è finita anche nelle mani di alcuni bambini cristiani. “L’insegnante ha distribuito testi diversi per musulmani e bambini cristiani – ha detto l’ispettore scolastico Karin Lang – In questo caso uno dei bambini devono essere stati accidentalmente dato la copia sbagliata “.

Ma la decisione fatta rimane. E sembra assurda. Non si capisce, infatti, il motivo di modificare le nostre tradizioni per “far contenti” i fedeli musulmani.

Redazione

Redazione1909 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

11 Comments

  • riudecols Reply

    29 gennaio 2016 at 10:47 am

    L’ignoranza non si ferma in italia va anche in Austria,merito del trattato libere frontiere!!!!!!

  • giuseppe Reply

    29 gennaio 2016 at 11:38 am

    Fenomeno sempre più preoccupante grazie ai mondialisti, immigrazionisti , tecnocrati europei che hanno importato in Europa milioni di invasori islamici

  • giuseppe Reply

    29 gennaio 2016 at 11:41 am

    Socialista, mondialista o grillina? Ah no i Grillini non ci sono in Austria. Comunque sempre una maestra sottomessa , dhimmi, all’Islam e alle cretinate come il politicamente corretto.

    • Paolo Reply

      29 gennaio 2016 at 3:52 pm

      E’ sempre la stessa matrice, Sig. Giuseppe. La stessa che, da noi, in questi giorni ha prodotto il fenomeno delle statue coperte… e di tante, tantissime altre porcherie. Sempre ai danni nostri, ovviamente.

      • giuseppe Reply

        29 gennaio 2016 at 4:57 pm

        Si, e non sono compiaciuto che il nostro Pres.Consiglio (anche se non sono d’accordo sulla sua politica) Renzi che dovrebbe rappresentare l’Italia abbia fatto una brutta figura mondiale. Ci abbiamo rimesso tutti.

        • Paolo Reply

          29 gennaio 2016 at 9:04 pm

          Vede che il problema, è proprio questo? Da Renzi sino all’ ultimo dei suoi sostenitori, sono talmente convinti di essere nel giusto – e di fare la cosa giusta – che non percepiscono minimamente la stupidità, culturale ma anche politica – di molti dei loro atteggiamenti, a partire da questi.

          • giuseppe

            31 gennaio 2016 at 2:53 am

            prendono il nome di sinistra mondialista e comprendono i grillini

  • Federico Reply

    29 gennaio 2016 at 1:58 pm

    La cosiddetta “integrazione” di cui molti si riempiono la bocca è una stupidata colossale. Non può esserci integrazione fra culture così diverse e, soprattutto, tra due religioni del tutto incompatibili. Delle due, una sola dovrà prevalere e sarà quella islamica. Questo è un fatto inevitabile perché la presenza musulmana in Europa un bel giorno avrà la maggioranza. Se poi ci si mettono anche gli stupidi a dargli una mano con cedimenti di vario tipo, via il presepe, via il crocifisso, via i canti di Natale, via il Dio Cristiano dai canti dei bambini etc…
    Il bello che proprio quelli che più parlano di integrazione sono anche coloro che favoriscono la sostituzione e non l’integrazione. Del resto,la stupidità dev’essere completa sennò non sarebbe più stupidità.

    • giuseppe Reply

      29 gennaio 2016 at 4:54 pm

      Quanto vorrei non darle ragione, ma é proprio come da lei scritto. Sapere che i musulmani sono invasori w non poter far nulla grazie alla cretinaggune dei potentati economici e politici europei non può che far star male. Siamo gli ultimi che ragionano, stiamo vivendo la fine della Civiltà europea, e non ce ne rendiamo conto. Enorme tristezza

    • lupopz Reply

      29 gennaio 2016 at 7:02 pm

      avrà la maggioranza se glielo permettiamo e se tolleriamo IDIOTI come questa SEDICENTE maestra

      • Federico Reply

        30 gennaio 2016 at 1:41 pm

        E infatti è quello che stiamo facendo (non io o tu ovviamente)

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it