La Svezia pronta a 80 mila rimpatri «Voli speciali per i rifugiati respinti»

stoccolmaLa Svezia si sveglia e prepara il rimpatrio forzato di 60 mila richiedenti asilo che hanno visto respingersi la propria domanda per rimanere nel paese. Il governo di Stoccolma sta preparando voli speciali per mandare via questi immigrati. Lo racconta il Corriere della Sera

Un rimpatrio di massa, 60 mila richiedenti asilo la cui domanda è stata bocciata, «ma la cifra potrebbe arrivare fino a 80 mila». È cambiato completamente l’approccio della Svezia alla crisi euro-mediterranea dei migranti. E la dichiarazione del ministro dell’Interno, Anders Ygeman, ai media locali lo conferma. Le espulsioni avvengono di norma a bordo di aerei di linea, ma Ygeman ha spiegato che per un rimpatrio così massiccio sarà necessario far ricorso a voli speciali. Nell’arco di molti mesi, naturalmente, se non di anni.

È il segno, però, di una crescente difficoltà per il governo (pur socialdemocratico) di Stoccolma. Il Paese, che conta meno di 10 milioni di abitanti, solo nel 2015 ha accolto 160 mila richiedenti asilo. L’apertura ai dissidenti politici o ai profughi di guerra è nel dna della sinistra scandinava, la Svezia conta decenni di politiche di aiuto, impostate dallo storico premier Olof Palme. Dai cileni perseguitati da Pinochet ai rifugiati del conflitto nella ex Jugoslavia.

L’arrivo in questi ultimi anni di centinaia di migliaia di profughi dalla Siria, dall’Iraq, dall’Eritrea, sta mettendo a dura prova un sistema finora rodato ed efficiente. L’uccisione della giovane impiegata Alexandra Mezher, accoltellata martedì da un ragazzino straniero in un centro per minori non accompagnati alle porte di Göteborg, ha esasperato le polemiche nel Paese. Sul sovraffollamento delle strutture, e alla fine sull’impossibilità di far fronte a un flusso di arrivi così imponente.
Redazione

Redazione1910 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

1 Comment

  • Giovanni Bravin Reply

    28 gennaio 2016 at 12:34 pm

    Ho sempre dubitato che clandestini siriani, nordafricani e subsahariani vantassero parentele in Scandinavia. Alcuni, forse, ma non tutti. Ora la Svezia ci fa sapere che OTTANTAMILA non hanno requisiti idonei, in Italia, con anni alle spalle di sbarchi, ci limitiamo a poche centinaia?

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it