La via del nuovo centro-destra

Salvini e Berlusconi a BolognaNonostante siano una netta minoranza, non sono poche le persone che, pur identificandosi idealmente nel centro-destra, non ritengono ancora sufficiente quanto il triumvirato Salvini-Berlusconi-Meloni stia mettendo in campo in termini di rinnovamento del personale politico interno e, quindi, di credibilità.

Memori di una rivoluzione tradita e delle disfatte alle quali il vecchio centro-destra ha certamente concorso negli ultimi vent’anni, tutte queste persone, cittadini ed elettori spesso disillusi al punto di preferire l’astensione, non sono inclini a concedere nuovamente a scatola chiusa la propria fiducia a quella che è l’oramai conclamata configurazione del nuovo centro-destra.

La Lega Italia, o comunque si chiamerà la lista unica che contenderà al centro-sinistra il governo di questo paese alle prossime politiche e la guida dei maggiori capoluoghi metropolitani nelle amministrative di primavera, non convince ancora questo segmento di appartenenti al centro-destra ideale, i quali, a differenza dell’elettore medio di area, si qualificano, oltremodo, per avere una maggiore propensione all’impegno diretto in politica.

Tuttavia, a questa maggiore propensione all’impegno politico, non è equivalsa la capacità di darsi una forma autonoma, politicamente parlando, e, francamente, quindi, non si capisce come, a fronte di un problema vero di credibilità dei vecchi partiti, possano essere loro la soluzione per colmare quel gap di rinnovamento del personale politico, sul, quale, tutto il centro-destra, chi più, chi meno, indubbiamente, ancora latita o non convince del tutto.

Uno spazio politico, quando pure esiste, o si ha la capacità di occuparlo oppure è inutile pretenderlo da chi te lo dovrebbe concedere non certo di sua sponte.

Questo segmento di civismo di area più che stare a sindacare sul grado di rinnovamento dei partiti di centro-destra maggiori, dovrebbe domandarsi come mai non sia stato capace di incidervi attraverso la costruzione di strumenti, di corpi intermedi e finanche di nuovi contenitori politici di area.

Cosa facevano tutti costoro, ad esempio, mentre Salvini con un partito ridotto a brandelli si faceva montare sopra il cofano della macchina da facinorosi elementi dei centri sociali nei pressi di un campo rom, iniziando con ciò la scalata alla leadership riconosciuta di un partito che ora, stando ai sondaggi, è tra il 15-20% dei consensi e di un’area che ha nuovamente i numeri potenziali per battere Renzi?

Evidentemente facevano poco o comunque facevano ciò che non è bastato ad occupare uno spazio politico che allora era contendibile, oggi non più! Almeno fino alle prossime elezioni politiche nazionali e al referendum confermativo di ottobre prossimo sulla legge elettorale e relativa riforma costituzionale.

Per fare la quarta gamba di un tavolo occorre prima essere una gamba!

L’alternativa a questa presa di coscienza è : o continuare ad astenersi oppure lavorare, oggettivamente, per il nemico!

Cosa, quest’ultima, che è sempre riuscita alacremente ad ogni forma di velleitarismo, soprattutto a quelle caratterizzate dagli elementi più facinorosi ed apparentemente intonsi di certa area.

Se avessero, in questi ultimi 4-5 anni (per non parlare dei decenni nei quali, anche molti di questi facinorosi della purezza a tutti i costi, hanno fatto politica attiva), lavorato così bene, come lo hanno fatto per mantenere, spesso inconsapevolmente, in sella il nemico, non ci troveremmo di certo a questo punto e saremmo stati, con ogni probabilità, non solo una gamba di appoggio, ma tutta l’area di questo tavolo di cambiamento auspicabile.

Se, infine, non ve la sentite proprio di sperticarvi le mani per i nuovi leader legittimi del centro-destra, almeno date forza alle singole personalità che con molta fatica stanno emergendo dal vecchio dentro questo nuovo fronte contro la sinistra ed il consociativismo in tutte le sue forme, ve ne sono a tutti i livelli, locali e nazionali ed in tutti e 3 i partiti che lo costituiscono e valgono come noi, se non di più!

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it