Papa Francesco boccia le primavere arabe: «Era meglio un solo Gheddafi invece che 50»

Papa_Francisco1_805715187Papa Francesco sorprende tutti, una volta tanto, per la sua realpolitik. Papa Bergoglio ha infatti bocciato le primavere arabe dichiarandone il fallimento con questa frase: «dove prima c’era un Gheddafi e ora ce ne sono cinquanta». Ne ha parlato Nina Fabrizio su Quotidiano Nazionale.

di Nina Fabrizio

Nella geopolitica di Francesco, nel suo continuo lavorare per abbattere i muri che ancora creano divisioni e contrasti, il ‘realismo politico’ è una delle componenti più importanti. Si possono leggere così le parole di Bergoglio nel suo ultimo colloquio, in cui il pontefice argentino spinge l’Occidente a fare autocritica sulle primavere arabe, come in particolare nel caso della Libia «dove prima c’era un Gheddafi e ora ce ne sono cinquanta». In Vaticano lo staff diplomatico di Bergoglio si sta preparando a salire sull’aereo che venerdì porterà Francesco in Messico non prima di fare tappa all’Avana per lo storico incontro con il patriarca russo Kyrill e già si lavora a un’altra missione cruciale di Bergoglio, che in settembre dovrebbe portarlo in Armenia con l’inclusione di una visita anche nelle due repubbliche ex sovietiche di Azerbaigian e Georgia. Ma in cima alle preoccupazioni del Pontefice e dei suoi più stretti collaboratori c’è ancora la scottante questione del conflitto siriano, su cui Francesco domenica ha rilanciato il suo appello in favore di una soluzione politica.

Qui entrano in gioco la sua realpolitik e la necessità di coinvolgere tutti nel dialogo. «Abbiamo già visto cosa è successo con Saddam in Iraq, con Gheddafi in Libia – ragionano i diplomatici vaticani –. Siamo certi che Assad non è un santo, ma è anche chiaro che c’è stato un errore strategico iniziale dicendo andiamo e destituiamo l’ultimo cattivo della Regione, ma non è stato destituito e ora la Siria è in questa situazione». Ovviamente, non ci si tappa il naso, si vede il male che fa il presidente siriano però, si avverte, «non si può pretendere che sia Assad a fare un passo indietro per poi andare al tavolo. Piuttosto, si faccia di tutto per portare al tavolo delle trattative ogni attore coinvolto». E per questo Francesco preme su Iran e Russia, perché convincano Bashar a trattare. «Non significa benedire un regime – si sottolinea in Vaticano – ma il Papa avverte a non usare lo schema che è già stato fallimentare in Iraq e quindi in Libia». Del resto Francesco lega la crisi siriana e non solo al traffico di armi. Un gioco in cui convergono gli interessi di molti.

Del resto, ricordano, «su questo il Papa ha tenuto sempre lo stesso schema. Non arriva a dire i nomi di chi vende le armi, ma denuncia e vorrebbe smascherare quanto siano i capitali a originare i conflitti della terza guerra mondiale a pezzi». «C’è nella sua politica estera – commenta lo storico Agostino Giovagnoli – il rovesciamento della logica della frontiera. Dice, là dove ci sono muri costruiamo dei ponti per un dialogo con l’altra parte. In questo senso c’è un disegno di un mondo diverso in cui non c’è più Occidente contro resto del mondo, ma Occidente con il resto del mondo».

Redazione

Redazione1899 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it