Renzi critica i grillini sul caso Capuozzo ma ha fatto lo stesso con Marino

rep-renzi-marino-2“Mi sembra davvero ingiusto buttare la croce addosso a lei” ha detto Matteo Renzi in merito alla vicenda del comune di Quarto, che ha visto protagonista il Movimento 5 Stelle e che è terminato con l’espulsione del sindaco, Rosa Capuozzo, anche se questa con la camorra non c’entra niente. Peccato che Renzi si fosse comportato allo stesso modo con Ignazio Marino e Sarina Biraghi lo ha ricordato su Il Tempo.

di Sarina Biraghi

Quarto e Roma, camorra e mafia, Capuozzo e Marino, M5S e Pd. Punti in comune? Uno di sicuro: la politica malleabile come il pongo… Il sindaco di Quarto (Napoli) Rosa Capuozzo è stata espulsa dal Movimento 5 Stelle perché a più di 24 ore dalla richiesta di dimissioni del leader Beppe Grillo, ancora non si esprime pubblicamente e resta sulla poltrona. Rosa Capuozzo è al centro delle polemiche per l’inchiesta della Dda di Napoli che vede indagato l’ex consigliere grillino De Robbio per voto di scambio e tentata estorsione al sindaco. La Capuozzo non è indagata, ma secondo il pm Woodcock ha avuto una “condotta non lineare e sicuramente da approfondire”. Come si legge nel blog del Movimento 5 Stelle la Capuozzo è stata espulsa perché avrebbe gravemente violato i principi: “È dovere di un sindaco del M5S denunciare immediatamente e senza tentennamenti alle autorità ogni ricatto o minaccia che riceve. Perché siamo il Movimento 5 Stelle e non un Pd qualsiasi”. Peraltro, intercettata, la Capuozzo avrebbe sostenuto di aver parlato delle “pressioni” con Di Majo, mentre i vertici del M5S hanno già minacciato querele confermando di non aver mai saputo nulla. Ma se la sindaca grillina (difesa a spada tratta dal marito) non parla, ci pensa Matteo Renzi a dire la sua su una vicenda per la quale “bisogna avere grande rispetto, bisogna evitare strumentalizzazioni, che segna un dato oggettivo: questa giovane sindaco ha chiesto aiuto ai suoi dirigenti, non si capisce se l’ha ottenuto e se qualcuno ha preferito tacere. Mi sembra davvero ingiusto buttare la croce addosso a lei”. Insomma il M5S ha perso il “monopolio morale” ma la chicca arriva sul capitolo dimissioni: “Io dico no alle dimissioni, lei avrebbe dovuto denunciare chi la ricattava ma non dimettersi – afferma il garantista Renzi – In quel posto l’hanno messa i cittadini”. Forse l’ex rottamatore non ha mai lavato i panni in Arno visto che non gli sovviene neanche un po’ in mente il caso Marino, criticato ma votato da una buona parte dei cittadini romani e che pure il Pd renziano ha mandato a casa a calci nel fondoschiena a prescindere. Per Renzi forse i cittadini di Quarto sono più cittadini di quelli di Roma o, semplicemente, la politica e i politici sono malleabili… come il pongo.

Redazione

Redazione1905 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it