Renzi monopolizza i tg Rai

Pensioni-il-Premier-Matteo-Renzi-chiede-più-flessibilitàIl 65% degli spazi dei telegiornali Rai è destinato a Matteo Renzi e al Governo: a denunciarlo è OpenTg, associazione che monitora le presenze dei politici sulla tv pubblica, di cui fa parte l’attuale presidente della commissione di vigilanza Rai Roberto Fico. Ne ha parlato Raffaello Binelli su Il Giornale.

di Raffaello Binelli

Accendere la tv e trovare un tg della Rai che non parli di Matteo Renzi è quasi un’impresa.

Non tanto perché Renzi è il presidente del Consiglio e, giocoforza, entra di diritto in numerose notizie. Il problema è un altro. Renzi ha letteralmente occupato la Rai. Lo dicono i numeri raccolti da OpenTg. “Il mese scorso – scrive su Fb Roberto Fico (M5S), presidente della Vigilanza Rai – abbiamo denunciato una situazione imbarazzante per tutta l’informazione radiotelevisiva nazionale sul piano del pluralismo politico. Cosa è successo da allora? A dicembre i tre principali notiziari del servizio pubblico mostrano una tendenza al riequilibrio soprattutto fra soggetti politici. Nel complesso, tuttavia, il peso del presidente del Consiglio e del governo continua ad essere preponderante in Rai: oltre il 65% dello spazio totale, mentre alle opposizioni resta ben poco (il 17,8%). Uno squilibrio a cui contribuisce in particolare Rainews, dove il premier e i ministri la fanno da padroni senza soluzione di continuità”.

Dai dati, aggiunge Fico, emerge un “timido il riequilibrio di Mediaset, le cui percentuali tornano a livelli minimamente accettabili soltanto quando l’emittente si trova esposta al rischio di una sanzione dell’Agcom. Nel TgLa7 si nota una maggiore attenzione a favore di tutte le opposizioni e una presenza mediatica del premier e del governo più contenuta rispetto ai mesi precedenti. Nessun cambiamento invece a SkyTg24. Qui le opposizioni e le altre minoranze politiche quasi non esistono, il blocco governo-maggioranza gode addirittura del 71% dello spazio complessivo, un dato alimentato soprattutto dalla presenza smisurata del presidente del Consiglio”.

Ancora più duro il commento di Alessandro Di Battista, membro del direttorio M5S: “#IoSpengoLaRai – scrive su Twitter – Ma quale Rai, Istituto Luce! La Tv pubblica nasconde le notizie”.

Redazione

Redazione1901 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it