Renzi vuole diritti per i gay ma riceve il presidente dell’Iran, dove l’omosessualità è un reato

Di Eugenio Cipolla, il - # - 1 commento

renziIl presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto oggi al Quirinale l’omologo iraniano Hassan Rohani. Tra i due c’è stato un intenso colloquio che ha toccato diversi temi, in particolar modo quello legato alla lotta al terrorismo. Stasera il numero uno iraniano vedrà anche il nostro premier, Matteo Renzi.

Il presidente del Consiglio si batte da mesi per arrivare all’approvazione del ddl sulle unioni civili, che prevede tra l’altro la tanto discussa Stepchil adoption. Nei giorni scorsi ci sono state diverse manifestazioni dei sostenitori del ddl Cirinnà, i quali hanno definito omofobi gli organizzatori del Family Day in programma a Roma il prossimo 30 gennaio.

Non entriamo nel merito delle accuse degli attivisti LGBT, ma è piuttosto curioso notare come per oggi non sia prevista alcuna manifestazione contro Renzi che riceve il presidente di un paese, l’Iran, dove l’omosessualità non solo è un reato, ma è punita addirittura con la pena di morte. Perché nessuno protesta? Perché nessuno si mobilita? Cosa hanno in meno gli omosessuali iraniani da non dover essere tutelati dalla civilissima società occidentale? Chi sa, risponda.

Ps. Ah, e cosa dirà Renzi a Rohani nel fargli presente che l’Italia non approva ciò che fa il suo regime teocratico? Cosa dirà Renzi riguardo il proposito di Rohani di distruggere Israele entro vent’anni? “La sicurezza di Israele è la nostra sicurezza”, disse l’ex sindaco di Firenze parlando alla Knesset qualche mese fa.

@eugcipolla

Riproduzione riservata - ©2016 Qelsi Quotidiano
  • Giovanni Bravin

    Vi quoto: “…Ps. Ah, e cosa dirà Renzi a Rohani nel fargli presente che l’Italia non approva ciò che fa il suo regime teocratico? Cosa dirà Renzi riguardo il proposito di Rohani di distruggere Israele entro vent’anni? “La sicurezza di Israele è la nostra sicurezza”, disse l’ex sindaco di Firenze parlando alla Knesset qualche mese fa.”
    Semplice, Renzi tenterà di parlare in inglese, senza interprete, e Rohani fingerà di capirlo. Qualcun’altro all’ambasciata iraniana gli farà avere i ritagli stampa sulle renzate!




Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti: