Senatore Pd sull’utero in affitto:”Giusto non far allattare il bimbo alla madre”

sergio-lo-giudiceE’ giusto che una madre surrogata non allatti suo figlio. A dirlo è stato il senatore Pd Sergio Lo Giudice, che è anche presidente onorario dell’Arcigay, intervistato assieme al suo compagno Michele dalla trasmissione Le Iene. I due si sono conosciuti dieci anni fa e sposati in Norvegia nel 2012, poi hanno deciso di ricorrere all’utero in affitto. Espressione che secondo il senatore Pd è “volgarmente lesiva, sopratutto della dignità delle donne”. Per il suo compagno Michele la donna che ha portato in grembo il bambino “la persona che ci ha aiutato è una persona che voleva aiutare due uomini a realizzare il sogno di avere un figlio”.

Quando la giornalista ha chiesto se era stata pagata, entrambi si sono rifiutati di rispondere alla domanda. “Non incide in nessun modo su valenza etica di un gesto del genere”, ha detto Lo Giudice. “Il grosso delle spese – ha spiegato – se ne va in agenzia, spese legali e spese sanitarie. Si può arrivare fino a 80/100mila euro”. Che non si parli del bambino come oggetto comprato. “Chi fa affermazioni di questo genere – ha detto – dovrebbe vergognarsi di averlo solo pensato”, ammettendo che nei paesi poveri effettivamente potrebbe esserci il rischio di uno sfruttamento delle donne.

Lo Giudice ha parlato anche della fase subito successiva alla nascita del bambino, il piccolo Luca, che è stato allattato con latte materno ma non al senso, piuttosto che un comune biberon. “E’ molto importante che sin dall’inizio il il rapporto tra la donna e il bambino sia considerato non come il rapporto della madre con suo figlio”.

“Ogni bambino preferisce avere l’amore di chi considera i suoi genitori”, ha attaccato Lo Giudice, per il quale il ddl Cirinnà è un buon punto di partenza. Per il compagno Michele si tratta di una norma non sufficiente ma necessaria perché “Sergio che non è il padre legale di Luca ha bisogno di una delega per qualsiasi cosa. In teoria anche per ritirare il bambino da scuola”. Poi la frecciata al Family Day. “E’ un po’ come la lotta che facevano i bianchi contro i neri negli anni ’60”, ha chiosato il compagno del senatore Pd, Michele.

 

Redazione

Redazione1899 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

7 Comments

  • monica cappellini Reply

    3 febbraio 2016 at 2:44 pm

    Queste cose prettamente “tecniche” SONO SOLO DI COMPETENZA M E D I CA LE; DEI MEDICI , GINECOLOGI E CO
    COSA NE SA QUESTO SIGNORE DI COSA NECESSITA UN PICCOLO NATO/A? HA UN UTERO? NO E ALLORA ZITTOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

  • 174VAM Reply

    3 febbraio 2016 at 3:32 pm

    Ogni commento è superfluo:
    basta guardare in faccia il senatore Sergio Lo Giudice

  • marco Reply

    3 febbraio 2016 at 6:37 pm

    Il massimo della “Democrazia”: REFERENDUM.

  • 174VAM Reply

    3 febbraio 2016 at 8:27 pm

    Non so perchè, ma ho “l’impressione” che il “senatore” riporti il tutto ad un semplice concetto di mercificazione.
    Da quanto ho capito, il “senatore” e la sua dolce metà:
    a) ” prendono in affitto” (ma il contratto si dovrà registrare alla Agenzia delle Entrate?) un utero di una donna dietro compenso più o meno generoso in funzione dell’estrazione sociale o nazionalità della “locatrice di utero” di turno o c’è già un listino prezzi ben definito?
    b) una volta ottenuto “l’oggetto” dello scambio economico cioè il “Bene” oggetto del contratto (leggasi Bambino, cioè essere umano), il “senatore” e dolce metà acquistano da altra donna/e il necessario (cioè latte umano, che quindi diventa alla stregua del parmalat) per l’alimentazione del bene anzidetto.
    Mi chiedo se prevederanno nel contratto anche una forma di garanzia: metti che il bimbo lo volevano biondo ed invece nasce castano)
    Che dire: “etica” ad altissimi livelli

    • giuseppe Reply

      5 febbraio 2016 at 3:52 am

      Lo Giudice ha speso 100.000 dollari, in Ucraina le donne si vendono, anzi affittano l’utero per 35.000 euro.
      Fra poco vorranno bambini con 3 gambe o 4 occhi!
      Fanno schifo tutti etero e gay che affittano gli uteri, sono l’egoismo dei ricchi, capricci di cretini.

  • AHAHAHAHAHAH……. UN “ORTAGGIO” CHE INSEGNA A VIVERE A UN MAMMIFERO !!!! | MAJANO GOSSIP - Patrick Pierre Bortolotti – LA DESTRA Reply

    3 febbraio 2016 at 8:30 pm

    […] Redazione, il 3 febbraio 2016 – E’ giusto che una madre surrogata non allatti suo figlio. A dirlo è stato il senatore Pd […]

  • giuseppe Reply

    4 febbraio 2016 at 12:53 am

    Etero e omosessuali che comprano i bambini ed affittano un utero vanno sbattuti in galera per almeno 10 anni, a pane e acqua.
    Questo senatore Lo Giudice ha affittato un utero negli USA alla “modica” somma di 100.000 dollari!!!!!!!!! Esiste un traffico di uteri enorme, in Ucraina affittare un utero costa 35.000 euro.
    Una bestialità!

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it