Stupri, frodi e corruzione: chi è Chandy, il politico indiano che vuole le teste dei Marò

chandy premier kerala indiaIn attesa di apprendere dalla Cap dell’Aia se, ed eventualmente chi, dove e quando dovrà avviare una vera indagine sugli eventi che hanno coinvolto i Marò, con un’istruttoria se del caso seguita anche da un processo, è bastato qualche tenue spiffero sulla possibilità che l’India stia negoziando in gran segreto un accordo con l’Italia per rimettere in libertà i Marò, indagati da 4 anni senza accuse, a fare esplodere la santabarbara di una interessata strumentalizzazione della sinistra indiana. La miccia che ha prodotto la deflagrazione mediatica è stata la dichiarazione del senatore Latorre, omonimo ma nessuna parentela con il nostro fuciliere del San Marco, attualmente presidente della IVa Commissione permanente Senato (Difesa), il quale ha di recente affermato chiaro e tondo che per nulla al mondo Max Latorre tornerà in India per consegnarsi ai suoi persecutori.

Dal suo santuario di Trivandrum, puntuale e rabbiosa è subito arrivata la replica di Oommen Chandy, il premier del governo del Kerala, nonchè ispirato inventore dal nulla del caso internazionale sui Marò, in combutta con l’ex ministro della difesa di New Delhi A. K. Antony, quello che chiese una tangente di 51 milioni di $ alla società italo-inglese AgustaWestland, alla quale l’India aveva commissionato 12 super-elicotteri. Per inciso, il processo per corruzione internazionale al tribunale di Busto Arsizio condotto contro il Gruppo Finmeccanica si è concluso ad ottobre del 2014 con la piena assoluzione degli imputati italiani circa le accuse di corruzione.

Chissà come si saranno sentiti soddisfatti i giudici nostrani dopo avere distrutto sulla base di un nulla assoluto l’immagine internazionale di un gruppo all’avanguardia tecnologica e che tutto il mondo ci invidia, col risultato di aver mandato in fumo una commessa da 560 milioni di dollari per l’Italia, ed aver causato una esposizione di quasi 340 milioni di euro alla AgustaWestland, dei quali circa 120 riguardano i primi tre elicotteri forniti che gli indiani si sono tenuti, guardandosi bene dal pagarli o dal restituirli, per poi arrivare ad un imbarazzato :”Ops, chiediamo scusa, ci eravamo sbagliati, niente corruzione, anzi siete stati voi ad essere vittime di un ricatto”. Ricatto, come noi abbiamo sempre sostenuto, orchestrato dall’allora ministro della Difesa indiano Antony, l’amico di Chandy, il sanguinario persecutore dei Marò. Ma non sarebbe stato meglio valutare bene la situazione prima di provocare questo enorme danno al Paese ? Chiusa parentesi.

Usando un linguaggio di inaudita violenza il premier keralese è insorto, come riportano i media indiani, scagliandosi contro la prospettiva che Latorre rimanga in Italia non torni più in India nelle more che si decida sulla competenza giurisdizionale sul caso Marò, e che anzi venga rimesso a piede libero anche Salvo Girone. “I due marinai italiani hanno commesso un crimine in territorio indiano ed è quindi all’India che devono rispondere delle loro azioni”, ha tuonato Chandy, per poi aggiungere: “Il governo del Kerala guidato dall’UDF (il partito di sinistra di cui Chandy è uno dei leader, ndr) su questo punto fu irremovibile, ed anzi chiese la restituzione dei due assassini per processarli in Kerala, ricevendo in questo il pieno appoggio dell’UPA (la coalizione di centrosinistra tra UDF e l’NCP-National Congress Party di Sonia Gandhi e di Antony, che ha governato l’India per un paio di legislature prima di essere travolto da scandali e corruzione e sostituito dall’attuale governo di destra di Narendra Modi, ndr).

Poi l’accorato appello rivolto direttamente al premier indiano Modi per sollecitare l’immediato ritorno di Latorre e la reclusione preventiva dei due “criminali” italiani sino alla conclusione del loro processo in India, sotto leggi indiane. Bontà sua, Chandy ha anche tranquillizzato tutti sul fatto che lui “non biasima, nè critica nessuno per la lentezza dell’iter giudiziario indiano”. Insomma, per lui, basta che i Marò restino sequestrati in India, e poi chi se ne frega se sono innocenti o se qualcuno butta via la chiave della loro cella senza manco averli sottoposti ad un giusto processo.

Ora un personaggio del genere ed affermazioni di quel tenore non meritano risposta, anche perchè questa lui l’ha già avuta dalla Corte Suprema indiana, che con la sentenza di gennaio del 2013 circa il ricorso dello Stato del Kerala che rivendicava la sua giurisdizione sul caso, la Corte specificò che “La vicenda dei fucilieri italiani è un caso internazionale, per cui va affrontato tra organismi di pari rango istituzionale, ovvero dal governo dell’Italia e da quello dell’India che hanno sottoscritto i trattati, le convenzioni e gli accordi internazionali che regolano i loro rapporti nell’ambito della comunità internazionale. Il governo italiano ha rapporti solo col governo centrale dell’India per cui non può esserci alcuna disputa tra Italia firmataria degli accordi internazionali ed il Kerala che è solo uno degli stati dell’Unione Indiana”. Più chiari di così.

Poi sorvoliamo che sul fatto che Chandy ignori che i Marò, come si riconoscerebbe a chiunque altro, sono innocenti sino a prova contraria, cioè ad una condanna passata in giudicato dopo un giusto processo. A noi interessa chiarire perchè Chandy ha detto quelle cose e mantenga la sua posizione aprioristicamente colpevolista. Circa un anno fa, mentre si andavano spegnendo i clamori del caso Marò, il premier del Kerala è rimasto impantanato in uno scandalo di livello nazionale, e parliamo di un subcontinnte con 1300 milioni di persone. Qualche tempo prima si era scoperto che una società specializzata in impianti e sistemi di produzione di energia solare, la “The Team Solar Energy Co.” co-diretta da un disinvolto ragazzotto dal nome impossibile, tale Biju Radhakrishnan ed una avvenente e giovane condirettrice dal nome esotico di Sarina Nair, avevano affidato il marketing della ditta ad escorts mozzafiato che avevano fatto arrivare alle stelle il fatturato dispensando favori sessuali e mazzette ad arrapati uomini politici e ricchi imprenditori. Mentre Sarina coordinava la sua flotta di girls, tra un ordine e l’altro il dinamico e palestrato Biju aveva trovato il tempo di ammazzare la propria malcapitata moglie, forse perchè sapendo troppo, sarebbe stato meglio metterla in condizione di parlare poco.

Gli inquirenti hanno potuto accertare che pesanti “incentivi” sono finiti nelle tasche di compiacenti ministri del governo keralese, proprio quello a capo del quale c’è Chandy. E lui come stava messo in questa vicenda? Prima male, adesso peggio. Male perchè se metà dei ministri del governo di uno stato si fa corrempere da quattro elettricisti, il capo di quello stato non se ne può tirare fuori. Poi peggio, perchè varie intercettazioni della polizia trascritte di recente hanno fatto emergere che spesso le telefonate per coordinare tutte queste attività illegali partivano dalla scrivania di Chandy. La banda dietro la Team Solar otteneva grosse commesse pubbliche grazie ai politici (corruzione), oppure stipulava sontuosi contratti di fornitura a prezzi ipergonfiati, grazie alla garanzia dei politici keralesi di turno, commesse per le quali otteneva grossi anticipi cui seguivano forniture micragnose, quando c’erano (truffa).

Il lubrificante di questo sistema, soldi a parte, era il sesso sfrenato ed è facile comprendere che, quando si entra in questa logica, poi non è sempre possibile distinguere escorts e prostitute, cioè le professioniste consenzienti, dalle dilettanti segretarie e dipendenti, o magari solo figlie o nipoti delle suddette, rese accondiscendenti a minacce, botte e cazzotti. Del resto faceva parte del governo keralese anche il signor PK Kunhalikutty, salito alla ribalta della stampa nazionale e locale indiana non per uno degli interessi che rientravano tra le sue tante responsabilità, ma per quello che in India viene chiamato “The ice-cream parlour sex case”, ovvero gli abusi sessuali di gelateria, perchè era nella sala di una famosa gelateria di Thiruvananthapuram che il fratello di Kunhalikutty adescava le vittime, ragazzine tra i 12 ed i 14 anni, che teneva sequestrate per giorni per poi darle in pasto al fratello.

E Kunhalikutty, di fede musulmana, non era uno qualsiasi, perchè nel governo del Kerala rivestiva queste cariche: Ministro per l’Industria e la Ricerca Tecnologica con deleghe al Commercio, alle Miniere e Geologia, alle Tecnologie dell’Informazione, all’Orditura al Telaio e Settore Tessile, al Wafq and Hajj Pilgrimage (l’equivalente della Caritas e dell’Opera Diocesiana Pellegrinaggi dei cattolici, solo che gli islamici ovviamente vanno a La Mecca, i cattolici in Terra Santa), alle Associazioni Professionali e Municipalità, al Piano Regolatore, alle Authorities per lo Sviluppo Regionale. Scusate se è poco. Ecco, è gente di questa risma, questo tipo di persone capeggiate da Chandy ad accusare i Marò ed a chiedere giustizia. Ripugnante.

Ma come ha fatto Chandy, con l’aiuto di Antony, a costruire un caso attorno a Latorre e Girone? Si deve sapere che a febbraio del 2012 il Kerala era teatro di una durissima battaglia elettorale. Il governo di Oommen Chandy fu messo sotto di un solo voto al Parlamento locale, ma quello bastò a sfiduciare l’esecutivo. Non fu possibile trovare maggioranze alternative ed affidabili, per cui si ricorse agli elettori. Nel Kerala l’attività economica più diffusa è quella legata alla pesca in mare. La locale associazione dei pescatori conta la bellezza di 3 milioni di iscritti. Se ciascuno di questi si porta politicamente dietro qualche amico o qualche familiare ecco a disposizione della politica un bel serbatoio di 7-8 milioni di elettori su una trentina di milioni di aventi diritto. Nel Kerala nulla si può fare contro o senza il consenso dei pescatori.

Quel 15 febbraio di 4 anni fa, al largo delle coste del Kerala avvennero due fatti. La mattina, la motonave italiana Enrica Lexie fu puntata da una barca senza insegne, nè bandiere. Dal tracciato radar riportato sul logbook, il natante appare sul quadrante a 2,8 miglia dalla Lexie, in avvicinamento su rotta di collisione alla velocità di oltre 14 nodi. Sorda ad ogni messaggio radio, alle segnalazioni luminose e sonore, l’imbarcazione continuò ad avanzare verso la fiancata della Lexie, sino alla distanza minima di 85 metri, valutata nel rapporto sull’incidente in possesso della nostra Marina Militare. Da bordo, armati di potenti binocoli, i militari del Nucleo di Protezione, i Marò, constatarono che gli uomini d’equipaggio sul natante, descritto sul giornale di bordo di colore blu, erano tutti armati con armi automatiche, fucili e mitragliette.

Fu solo quando essi stavano per accostare sottobordo la Lexie che Latorre e Girone spararono 24 colpi di avvertimento in acqua, fatto che convinse quell’imbarcazione a virare di oltre 90 gradi e ad allontanarsi precipitosamente. Dalla registrazione sul logbook in tempi insospettabili, cioè prima che scoppiasse il caso, il tutto avvenne alle 16.30 circa ora del Kerala, corrispondenti alle ore 11.00 UTC (Coordinated Universal Time), cioè l’ora di Greenwich, a circa 20,5 miglia dalla costa del Kerala, ovvero fuori dalle acque territoriali dell’India. Versione dei fatti, questa, avallata e sottoscritta da 31 testimoni, gli uomini a bordo della Lexie, tra i quali 19 marinai di nazionalità indiana, e coerente con i tracciati dei dati satellitari e del radar di bordo in possesso anche della Marina indiana.

La Lexie informa dell’incidente l’MSRC (Centro di controllo marittimo per la sicurezza della navigazione) di Mumbai, il quale chiede alla petroliera italiana la cortesia di girare l’informazione anche alla Capitaneria di Kochi. In un articolo del 28 ottobre del 2015 (“Come la sinistra colpevolista ha montato un caso ideologico sui Marò”) Qelsi mostra la e-mail con la quale l’MRSC chiede alla Lexie di informare Kochi, fornendo a tal fine il numero del canale radio da utilizzare e due numeri telefonici della locale Capitaneria. Più tardi, la Capitaneria riceve un altro drammatico messaggio, quello di un peschereccio, il St Antony, che lamenta di essere stato oggetto di una sparatoria che ha causato la morte di due pescatori ed annuncia di essere in rotta verso il porto di Neendakara, dove infatti arriva di lì a poco, alle ore 23.30 ora locale.

Sull’orario non possono esserci dubbi, perchè la notizia ha fatto il giro del Kerala ed ha messo in ansia 3 milioni di pescatori ed i loro familiari, parenti, amici e conoscenti. Il molo pullula di radio-TV locali e nazionali, tra i quali l’emittente più importante è il canale nazionale news 24 di NDTV. Appena messo piede a terra, il comandante-proprietario del peschereccio Fredy Bosco viene sommerso dai cronisti e parlando in tamil e malayalam riferisce che qualcuno, un paio di ore prima, aveva sparato loro addosso, apparentemente senza motivo e uccidendo due degli 11 pescatori a bordo. Due ore prima delle 23.30 sono le 21.30. La Lexie aveva sparato alle 16.30, in acqua, solo per avvertimento, senza ferire, nè uccidere nessuno. Il peschereccio assalitore era blu, il St Antony era bianco. A bordo del primo c’erano uomini armati, sul St Antony solo inermi pescatori.

La Lexie ed i Marò, quindi, non c’entrano niente con la morte dei due pescatori, ma per Antony e Chandy, ex ministro indiano della difesa e potentissimo politico il primo, corrottissimo e smaliziato maneggione il secondo, entrambi immersi nell’alleanza “ulivista” dell’Upa nel governo di New Delhi, quella incredibile, ma casuale coincidenza andava benissimo per montare un caso. Al primo serviva qualcosa per costringere gli italiani a mollare ed essere più malleabili sulla tangente da strappare per la commessa dei superelicotteri. Al secondo serviva un qualcosa di eclatante per creare un caso da strumentalizzare a fini politici in una tormentata e difficile campagna elettorale. E’ nato da questa concorrenza di interessi il caso Marò.

Se questa è la genesi, tutto il resto diventa semplice chiaro e trasparente, atremmo quasi per dire quasi ovvio e banale. Bisognava far confluire due avvenimenti in uno solo. I Marò hanno sparato qui? I pescatori sono stati uccisi là? Facciamone un unico fatto, congruiamo gli elementi probatori, costruiamo prove contro e cancelliamo quelle a favore della realtà fattuale ed oplà tutto a posto. I pescatori keralesi hanno avuto giustizia e sono contenti tanto da votare compatti per il capopopolo Chandy; Antony ha avuto quello che voleva, l’Italia pagherà i danni, i Marò, …beh loro se ne faranno una ragione. Magari alla fine dopo avegli inflitto 20 anni di carcere a noi indiani, avranno pensato Antony e Chandy, ci ringrazieranno pure quando mostrando comprensone e magnanimità li rimanderemo a casa abbonandogli una decina d’anni di galera.

Rosengarten

Rosengarten663 Posts

Romana, 19enne, studentessa al Department of Economics presso Primaria Università Usa, ama la discomusic, la storia, la natura selvaggia, gli animali e la finanza etica, ma soprattutto viaggiare. Abituata a lottare contro due fratelli più grandi per trovare uno suo proprio spazio vitale, formazione cattolica, schierata a destra, idealista si contrappone al dissoluto materialismo dilagante di una sinistra immorale, rozza e corrotta. Nel tempo libero si diletta in cucina. Tanti, troppi amici, poco tempo da dedicare a loro.

Commenta con il tuo account social

2 Comments

  • monica cappellini Reply

    15 gennaio 2016 at 9:04 am

    Sono sempre persone schifose dentro e dai posti chiavi di potere che si comportano cosi’.

    • Roberto Donà Reply

      15 gennaio 2016 at 3:14 pm

      Non replico , anzi, vorrei ringraziare l’articolista per l’articolo esaustivo e collimante con la mia visione dell’accaduto ,e per il disagio che provo ogni volta( e lo faccio tutte le mattine)che trovo un articolo sui Marò. Vorrei aggiungere una considerazione: il primo filmato che vidi in TV la sera successiva all’accaduto, notai che il proiettile che aveva colpito il tettuccio del peschereccio aveva creato un foro ” tangente ” e non un foro che potesse far pensare ad un proiettile sparato dall’alto. Francamente non capisco perché non se ne sia mai parlato. Forse mi sbaglio io. Grazie per l’ospitalità e complimenti per per il vostyro giornale.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it