Susanna Camusso fuori dalla realtà: “Il pubblico impiego funziona benissimo”

Cgil camussoSecondo Susanna Camusso, il pubblico impiego funziona benissimo come è oggi e le norme per licenziare i fannulloni oggi in vigore sono più che sufficienti: “Il Governo dovrebbe spiegare perché non funzionano” queste leggi, ha dichiarato in merito la segretaria della CGIL. Glielo ha spiegato questo articolo de Il Foglio per quale motivo non funzionano.

Nel “Favoloso mondo di Amélie”, a far felice Audrey Tautou è una scatola piena di ricordi. Nel “Favoloso mondo di Suzanne”, intesa come Camusso, è il funzionamento dell’impiego pubblico. É così bello che non c’è nessun bisogno, per la segretaria della Cgil, di norme per licenziare fannulloni e truffatori “perché le leggi ci sono già”. Per lei dunque la Pubblica Amministrazione funziona già favolosamente, e la riforma che il governo dovrebbe (finalmente) approvare, e il licenziamento di impiegati nullafacenti e dei loro superiori, è “propaganda”. Per Susanna-Amélie vale una sorta di realtà capovolta: se le regole ci sono già, “il governo dovrebbe spiegare perché non funzionano”.

Proviamo a spiegarglielo noi: gli impiegati dipendono da capiufficio che chiudono occhi e orecchie perché è dalle loro performance (eufemismo) che dipendono i bonus auto attribuiti per tutti. La cogestione fancazzismo-omertà, eccola la vera regola, tanto a pagare sono i cittadini-contribuenti. E se Camusso intende che basta responsabilizzare i capi, le ricordiamo che quando si è tentato di dare ai prèsidi maggiori poteri sugli insegnanti il sindacato ha tuonato contro gli “sceriffi”. Ahinoi, anche Renato Brunetta, l’autore delle prime norme anti fannulloni, sembra schierato con la Cgil. Le sue intenzioni erano ottime, da tutti riconosciute, ma sono state aggirate. Brunetta è un precursore: perché rimetterci la reputazione?

Redazione

Redazione1905 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

2 Comments

  • riudecols Reply

    20 gennaio 2016 at 4:12 pm

    La Camusso farebbe bene ad andare a fare “la calza”,come si diceva una volta;senza offesa per le donne che hanno il cervello e lo sanno usare benissimo.

    • Paolo Reply

      20 gennaio 2016 at 4:52 pm

      Sembra davvero rimasta ferma, immobile, cristallizzata in idee ed atteggiamenti come se ancora fossimo ai tempi del buon Filippo Turati…

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it