Tito ha infoibato i nostri connazionali ma è ancora Cavaliere della Repubblica italiana

Sono passati dodici anni da quando, la maggioranza di centrodestra, ha approvato la legge che istituiva la giornata della memoria per le vittime delle Foibe. Da allora si sono succeduti tre presidenti della Repubblica: Carlo Azeglio Ciampi, Giorgio Napolitano e Sergio Mattarella. Ogni anno tutti e tre hanno sempre parlato con commozione delle Foibe, della necessità di non dimenticare questo crimine, di ricordare i nostri connazionali perseguitati, di ristabilire una verità per troppo tempo negata.

Eppure a nessuno di questi è mai venuto in mente di togliere l’onorificenza della quale ancora oggi il dittatore Josip Tito si può fregiare:Cavaliere di Gran Croce Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Sul sito della presidenza della Repubblica è tutto pubblico. Basta cercare nel motore di ricerca delle onorificenze e il gioco è fatto.

onorificenza tito

Istituito con la Legge 3 marzo 1951, n. 178, l’onorificenza concessa a Tito da Giuseppe Saragat nel 1969 è il primo fra gli Ordini nazionali ed è destinato a “ricompensare benemerenze acquisite verso la Nazione nel campo delle lettere, delle arti, della economia e nel disimpegno di pubbliche cariche e di attività svolte a fini sociali, filantropici ed umanitari, nonché per lunghi e segnalati servizi nelle carriere civili e militari.”.

Tutte caratteristiche che Tito non ha. “Salve le disposizioni della legge penale – si legge ancora – incorre nella perdita dell’onorificenza l’insignito che se ne renda indegno”. E aver infoibato migliaia di italiani, oltre ad averne cacciati tanti altri, lo è. Ma la cosa più indegna è senza dubbio il comportamento di chi ogni anno fa finta di non vedere, di non sapere, di non capire.

@eugcipolla

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it