Tronca abbassa la tariffa Ztl per la Corte Costituzionale: da 2000 euro a 200


ztl-loanoE’ tempo di sconti per la Corte Costituzionale. Non bastano infatti i privilegi dei quali già godono i suoi membri, perché da ieri la Consulta avrà lo sconto sui permessi Ztl a Roma. Il commissario Tronca ha deciso di adeguare le tariffe a quelle della Presidenza della Repubblica, passando da 2.000 euro annui per autovettura ad appena 200. Ecco cosa scrive il quotidiano romano Il Tempo:

La Corte costituzionale chiede e ottiene lo sconto sui permessi Ztl (Zona a traffico limitato) concessi dal Campidoglio ottenendo la stessa tariffa stabilita per la Presidenza della Repubblica. Il commissario straordinario capitolino Francesco Paolo Tronca, infatti, ha approvato una delibera in base alla quale la Corte costituzionale pagherà ogni permesso che consente l’accesso attraverso tutti i varchi Ztl non più una tariffa di 2.016-2.816 euro annui (a seconda della potenza dell’automobile) previsti dalla delibera approvata dalla giunta Marino lo scorso 17 aprile, bensì una tariffa di 216-266 euro annui, sempre a seconda della potenza della vettura.

In sostanza, per i tecnici della Corte costituzionale «l’errore» di Marino sarebbe stato quello di legare il costo dei permessi Ztl concessi alla Corte costituzionale a quello previsto per gli altri organi costituzionali, eccezion fatta per il Quirinale.

Con una nota inviata a novembre, dalla Consulta hanno rappresentato l’esigenza di ottenere il rilascio di permessi allo stesso «prezzo» stabilito per gli Uffici della Presidenza della Repubblica, rivendicando il rango di organo di livello apicale dell’Amministrazione Centrale dello Stato al pari della Presidenza della Repubblica.

Redazione

Redazione1909 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it