Usa, Hillary non è più sicura di vincere: nelle primarie è testa a testa con Bernie Sanders

hillary clinton bernie sandersPer Hillary Clinton le primarie del Partito Democratico rischiano di trasformarsi in una ripetizione di quanto accadde nel 2008: data per vincitrice annunciata prima delle primarie, alla fine fu sconfitta dal candidato outsider Barack Obama. I sondaggi ormai pressoché appaiata nei primi stati in cui si voteranno le primarie, New Hampshire e Iowa, con Bernie Sanders, senatore dello stato del Vermont e unico membro del Congresso americano dichiaratamente socialista. Ne ha parlato Paolo Mastrolilli su La Stampa il cui articolo è stato ripreso da Dagospia.

di Paolo Mastrolilli

Quando Hillary manda in campo anche la figlia Chelsea, incinta del secondo figlio, vuol dire proprio che qualcosa non sta andando per il verso giusto nella sua campagna. È successo l’ altro giorno in Iowa, dove l’ ex bambina cresciuta alla Casa Bianca si è scagliata contro Bernie Sanders, accusandolo di voler distruggere l’ assistenza sanitaria negli Stati Uniti.

Come mai questo attacco frontale della giovane Clinton? Semplice: il senatore del Vermont sta rimontando nei sondaggi, e oltre ad essere avanti nel vicino New Hampshire, ormai ha quasi raggiunto Hillary anche in Iowa. La campagna è lunga e ci saranno altri 48 Stati dove recuperare. Se però la grande favorita del Partito democratico cominciasse la sua corsa perdendo tanto in Iowa il primo febbraio, quanto in New Hampshire il 9, l’ inevitabilità della sua incoronazione diventerebbe assai meno inevitabile.

Sondaggi a parte, la vera domanda da porsi è un’ altra: come mai l’ unico senatore americano che si professa socialista, anatema negli Stati Uniti anche prima della caccia alle streghe di McCarthy, sta insidiando una ex first lady, ex senatrice di New York, ed ex segretaria di Stato? Per rispondere forse bisogna guardare al successo sorprendente di Donald Trump fra i repubblicani, e metterlo allo specchio.

Così si scopre che lo stesso sentimento anti establishment che sta spingendo il costruttore, ha gonfiato anche le vele del super liberal del Vermont. Se a destra le sirene della retorica anti immigrazione, anti islam, e anti tasse, stanno trascinando gli elettori della classe media e bassa verso un miliardario, a sinistra quelle della diseguaglianza economica, la prepotenza dei ricchi, e l’ uso eccessivo della forza militare stanno lanciando verso la Casa Bianca un socialista.

La storia di Sanders era perfetta per non contare mai nulla, almeno nella corsa presidenziale. Troppo lontano dal «centro vitale», che secondo lo storico Arthur Schlesinger bisogna sempre occupare per conquistare la Casa Bianca. Nato a Brooklyn 75 anni fa da una famiglia di ebrei, il padre era sfuggito all’ Olocausto in Polonia. «Un tizio di nome Adolf Hitler – ricorda ora lui – vinse un’ elezione nel 1932, e come risultato morirono 50 milioni di persone. Così ho capito che la politica è molto importante».

Già quando era all’ università, Chicago all’ inizio degli anni Sessanta, Bernie si era iscritto alla Young People’ s Socialist League, e in pratica non ha mai più rinnegato quella scelta. La sua vita, e la sua carriera politica, hanno così seguito il corso prevedibile di un alternativo.

Si è trasferito nelle campagne del Vermont, e come indipendente è diventato prima sindaco di Burlington, poi deputato, e infine senatore. Sempre alzando la voce per le cause liberal, dal socialismo all’ opposizione contro la guerra in Iraq. Preparato, ma troppo estremista. Tranne sulle armi, dove in onore alle tradizioni rurali del Vermont è prudente sulla limitazione delle vendite.

La sua candidatura alla Casa Bianca doveva essere una provocazione, lanciata soprattutto per punire i miliardari colpevoli della crisi economica del 2008. Poi però la senatrice Elizabeth Warren ha rinunciato a incarnare l’ ala liberal del Partito democratico, e lui è diventato l’ unica alternativa possibile a Hillary, la candidata dell’ establishment e di Wall Street.

Così popolare da trasformarsi in una macchietta televisiva interpretata da Larry David, il creatore di «Seinfeld»: «Ho solo due paia di mutande, uno addosso e uno sul termosifone ad asciugare!». Nessuno crede che possa arrivare alla Casa Bianca, ma nessuno finora è riuscito a fermarlo.

Redazione

Redazione1899 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it